Meraviglie nascoste di Milano: l’Archivio e il Sepolcreto della Ca’ Granda aprono al pubblico

Cultura Milano Mercoledì 24 gennaio 2018

Meraviglie nascoste di Milano: l’Archivio e il Sepolcreto della Ca’ Granda aprono al pubblico

Altre foto

Milano - Da sabato 27 gennaio 2018 aprono al pubblico l’Archivio Storico e il Sepolcreto della Ca’ Granda, uno dei più antichi ospedali d’Italia oggi Policlinico di Milano. In seguito all’assegnazione del bando indetto dall’Ospedale stesso, questo tesoro nascosto al centro di Milano e mai aperto al pubblico prima d'ora (si trova in via Francesco Sforza 32) prende il nome di Ar.Se: il Percorso dei Segreti ed è gestito Gruppo MilanoCard.

L’Archivio Storico, la cui costruzione risale al 1637 ad opera del Richini nell’ambito dell’ampliamento della Ca’ Granda, è un vero gioiello nascosto, non solo per i documenti che conserva, ma anche per il luogo stesso, ricco di fascino e storia, tanto da venire dichiarato Luogo del Cuore dal Fai. Al suo interno custodisce migliaia di documenti storici relativi all’amministrazione ospedaliera, dall’anno Mille ai giorni nostri, tra cui spiccano l’Atto di fondazione dell’Ospedale firmato dal Duca Francesco Sforza in persona, centinaia di pergamene e alcune lettere firmate da personaggi illustri fra i quali Napoleone e Leopardi.

Le sale che ospitano l’Archivio erano destinate ad accogliere le riunioni del Capitolo ovvero, il consiglio d’amministrazione ospedaliera che si riunì in questi luoghi fino al 1796. Il salone maggiore, o Capitolo d’Estate, era tra i più vasti ambienti ad uso profano presenti a Milano nel XVII secolo. La sala è caratterizzata da una copertura a volta divisa in lunette, dipinta da Paolo Antonio de’ Maestri detto Il Volpino, nel 1638.

Il Sepolcreto si trova al di sotto della Cripta della Chiesa della Beata Vergine Annunciata, adiacente all’Archivio, anch’essa di epoca secentesca, e si stima che custodisca i resti di circa 150 mila pazienti ospedalieri deceduti fra il 1637 e il 1695. Lo stesso luogo ha ospitato anche le spoglie dei caduti delle Cinque Giornate di Milano, prima che venissero traslate al monumento dell’omonima piazza.

Un grande patrimonio artistico, storico e architettonico che oggi è accessibile alla città tutti i giorni in orario serale (dal martedì al venerdì in orario 17.00-22.00; sabato e domenica in orario 15.00-22.00; lunedì chiuso; ultimo accesso sempre alle ore 21.00) per rispondere a una crescente esigenza delle persone che hanno sempre meno tempo libero durante i giorni lavorativi. Tutti i visitatori (sono previste fasce di visita ogni ora, ciascuna con un numero limitato di 30 persone) sono accompagnati lungo il percorso da personale esperto.

Quanto costa visitare l’Archivio Storico e il Sepolcreto della Ca’ Granda? Il biglietto intero ha un prezzo di 12 euro, ma è disponibile anche un biglietto ridotto a 6 euro riservato agli studenti. salvo disponibilità; l'ingresso è gratuito per bambini fino a 14 anni (no scuole) e disabili. Per info, contattare il numero 391 4997845 o visitare il sito arsemilano.it.

Alla libera visita di Ar.Se: il Percorso dei Segreti presso la Ca' Granda, il Gruppo MilanoCard affianca a partire da febbraio 2018 la possibilità di partecipare a un calendario di visite speciali realizzate in collaborazione con Neiade Milan Tours tra libri e documenti antichi sullo Spedale dì Poveri, storie misteriose (e a tratti macabre) che riemergono dall'osservazione di antiche ossa sepolte sotto la Cripta, showcooking alla scoperta dei sapori di un tempo e incontri con la musica e con il canto. 

«Sono molto felice di dare l’avvio a questo percorso museale», commenta Marco Giachetti, presidente del Policlinico: «fin dal mio arrivo qui come presidente ho messo ai primi posti del mio mandato la volontà di realizzare questo percorso, per permettere a tutti i cittadini di scoprire i tesori nascosti della Ca’ Granda, il suo patrimonio storico e artistico, cercando quindi di far rinnamorare i cittadini milanesi, ma non solo, del loro ospedale. Dopo l’apertura di questa prima parte, grazie ai proventi derivanti dalle visite, mi auguro di poter ampliare il percorso di visita ad altre sale e per questo sto lavorando con l’Amministrazione ospedaliera anche in vista della costruzione del nuovo Policlinico».

Potrebbe interessarti anche: , AnthropOceano, a Milano il murale mangia-smog di Iena Cruz e Worldrise , Come visitare il Cenacolo di Leonardo? Una dritta per ammirare l'Ultima Cena dal libro Milano Adagio , Visitare le Terrazze del Duomo: info, orari e biglietti per scoprire la chiesa simbolo di Milano , Milano città della cultura: nel 2020 sarà sede del summit mondiale , Superstudio, a Famagosta la Maxi location con la facciata che è un'opera d'arte

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.