Food Milano Après-Coup Giovedì 5 ottobre 2017

Après‑coup, il bistrot che ti riporta nella Milano di inizio '900

Milano - Nel cuore della vecchia Milano, zona Porta Romana, a pochi passi dalla vitalissima via Orti, Après-coup propone un tuffo nel passato con grande stile, eleganza e soprattutto cultura. Un bistrot con piatti freddi intitolati alle avanguardie del ‘900, una sala da the dove si può scegliere tra servizi bavaresi e olandesi di inizio secolo, una galleria d’arte con artisti contemporanei e una selezione di abbigliamento nello Spazio Nur.

Tutto questo è Après-coup che dal 6 ottobre 2017 apre le porte dell’ex officina di condizionatori di via privata della Braida 5, per un’esperienza davvero unica. Sorseggiare del the su divani in velluto e broccato, degustare un light lunch servito in piatti degli anni '20 con posate d’epoca in bachelite, assistere a pièce teatrali e conoscere da vicino giovani artisti emergenti.

Aperto dal martedì al sabato dalle 8.30 alle 22.00, Après Coup è un locale rivolto a chi cerca un brunch (molte le proposte dolci e salate intitolate ad artisti quali Kandinsky, Pollock, Mirò, Marinetti, Neruda e altri), tea time con assaggi dolci e salati e aperitivi fuori dagli schemi (la Francia degli anni ’20 e gli anni della Lost Generation il periodo prescelto per l’ora dell’happy hour).

Qualità e ricercatezza si accompagnano a cura nei dettagli: dalle toilette con lampade decò degli anni '30, ai seggioloni per bambini thonet fino alle coperte di cashmere rigorosamente custodite in una culla degli anni ’70, a disposizione dei clienti per le serate più fredde.

«Il nostro intento», spiega David Ponzecchi, promotore del progetto Après Coup, «è quello di far sentire i nostri clienti a casa dove però niente è lasciato al caso e dove, con il mio team, riusciamo anche a coltivare le nostre passioni». Ponzecchi, ex manager nel settore delle bio tecnologie dopo anni di lavoro in azienda, a 48 anni, si è trovato a poter scegliere. «Delle ricche stock options mi hanno consentito di coltivare finalmente la mia grande passione per l’arte e per Milano», racconta: «ho voluto cogliere questo momento di grande rinascita della città che amo e provare a lanciare un progetto dove l’arte non è solo fine a sé stessa ma offre anche altro. I nostri artisti sono selezionati uno ad uno e ogni performance abbina arte a teatro, musica, moda e design».

Potrebbe interessarti anche: , Starbucks d'estate, le nuove bevande fredde debuttano a Milano: info e prezzi , El Pecà, ristorante di pesce a Milano nell'ex via a luci rosse , Gelato Libre (e vegan): a Milano la nuova gelateria che non usa uova e latte , Aperitivo in terrazza? Visionair Rooftop a Lambrate è la novità l'estate 2019 , Sagre a Milano e in Lombardia: giugno 2019 tra pesce, ciliegie, risotti, cipolle e passeggiate gastronomiche

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.