Outdoor Milano Sabato 23 luglio 2016

In bici sui Navigli. Tre itinerari che più milanesi non si può

Naviglio Martesana

Milano - Non c'è nulla di più rappresentativo di Milano dei Navigli. Che sia il Pavese, il Grande o la Martesana (e finanche la Darsena), la passeggiata su questi antichi canali artificiali è un must per turisti di ogni nazionalità e simbolo della vecchia Milano per i cittadini più nostalgici.

Queste caratteristiche vie d'acqua sono però anche un'occasione per evadere dalla città, specialmente nella bella stagione, in sella alla propria bicicletta, lungo percorsi suggestivi ed inaspettati. Dalle abbazie alle porte di Pavia alle cascine disseminate fino a Gaggiano ed Abbiategresso, fino alle prestigiose ville della Martesana, ecco alcune utili indicazioni e suggerimenti per memorabili escursioni a due ruote.

Il Naviglio Grande

Il Naviglio Grande è il più antico dei canali che formavano il sistema artificiale dei canali milanesi. Si può partire in bici dall'Alzaia, tra corti e locali alla moda, o da Porta Genova e si pedala lungo il naviglio dalla riva opposta alla vecchia Vigevanese. Si supera Corsico, per dirigersi poi verso Trezzano sul Naviglio, cittadina rurale sviluppatasi attorno ad un convento certosino ed uno cistercense: oggi sono abitazioni private ma sono ancora visibili dall'esterno.

Si prosegue per Gaggiano, dove sono presenti numerose residenze di rilievo, ville fatte edificare da nobili e ricchi borghesi come case di campagna. Su tutte Palazzo Marino. Verso ovest si giunge a Castelletto, un tempo complesso fortificato; qui si possono ammirare Il seicentesco Palazzo dei Cittadini e la Casa della Regia Camera (o del Custode), per molti anni sede del Commissario del Naviglio Grande e Questore delle Acque.
Poco più ad ovest, Abbiategrasso: curioso passare alla grande fabbrica Mivar (oggi in disuso), produttrice italiana di televisori, che in questa sede non fu quasi mai operativa.

Il Naviglio Pavese

Un autentico viaggio attraverso la storia: questo naviglio venne costruto tra il 1359 e il 1819. Si parte dalla Darsena e si può arrivare in quel di Pavia, alla confluenza con il Ticino, il percorso infatti è lungo 33 chilometri. Il tratto più milanese è molto caratteristico: antichi barconi utilizzati per il trasporto su acqua sono oggi dehors di pub e ristoranti.

Certo, in alcuni punti c'è un orizzonte costellato di centri commerciali e capannoni industriali, ma si entra poi in una campagna antica, quella delle marcite, che rendono questa chiazza di Pianura Padana un lago tanto artificiale quanto surreale.

A Binasco parte una serie di canali minori; qui vale la pena di vedere il Castello Visconteo, attuale sede del Comune. Prima di entrare a Pavia si giunge a Casarile, poi a Torre del Mangano, dove ha sede la celeberrima Certosa di Pavia, imponente complesso conventuale fondato nel 1396 da Gian Galeazzo Visconti, da visitare certamente. I più temerari possono proseguire e attraversare un piccolo lembo di bosco e il paese di Borgarello. Ecco dunque Pavia.

Il Naviglio Martesana

Il percorso che congiunge Milano alle acque dell'Adda tra ville e paesaggi rurali. Partenza in zona Crescenzago, già qui le abitazioni iniziano a farsi ampie e d'antan; dopo alcuni chilometri si arriva a Vimodrone e, immediatamente dopo, a Cernusco sul Naviglio, storicamente comoda meta di villeggiatura per aristocratici. Ne è un esempio la settecentesca Villa Alari Visconti, nota anche per il parco che la circonda.

Si continua tra giardini e vegetazione varia, non par vero di essere in luoghi notoriamente tanto edificati, e ci si imbatte in Villa Fiorita, presso Cassina de´ Pecchi. Più in là Gorgonzola dove si trovano Villa Sola Busca, Palazzo Serbelloni (odierna sede dell'ospedale), la Parrocchiale dell'Ottocento. Ultima tappa Cassano d'Adda con Villa Borromeo, edificio di inizio Settecento riformato da Piermarini nel 1781 in chiave neoclassica.

Potrebbe interessarti anche: , Pasquetta a Milano e gite fuori porta: idee per adulti e bambini , Tiro al volo: come muovere i primi passi in questa disciplina e dove praticarlo in Lombardia , A Milano è arrivata la primavera: la città avvolta dai colori. La fotogallery , Pratofiorito, il giardino della biodiversità di Eataly in piazza XXV Aprile: orari e info , Tulipani delle Meraviglie a Paderno Dugnano: info, orari e biglietti del nuovo giardino fiorito

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.