Christo sul Lago d'Iseo: come visitare The Floating Piers - Milano

Christo sul Lago d'Iseo: come visitare The Floating Piers

Destinazioni Milano Martedì 28 giugno 2016

Christo, The Floating Piers
© Luca Giarola / mentelocale.it
Altre foto

Milano - Forse la parola miracolo non è mai stata pronunciata così spesso come in questi giorni tra le province di Brescia e Bergamo. Dal 18 giugno scorso, decine di migliaia di persone si stanno riversando sulle sponde del Lago d'Iseo per camminare sulle acque grazie a The Floating Piers, l'installazione di Christo già candidata a diventare l'evento dell'anno. Effettivamente di miracolo si tratta: non tanto per il riferimento evangelico dell'opera dell'artista bulgaro-newyorkese, ma soprattutto per il suo incredibile successo, che ha improvvisamente portato alla ribalta internazionale una manciata di piccole e tranquille località di provincia.

Da Sulzano (dove partono le passerelle galleggianti che tagliano l'acqua del Sebino) a Iseo, da Sarnico a Marone, nell'aria lacustre risuonano i più svariati dialetti italiani e tante lingue diverse: inglese, tedesco. francese, perfino cinese e giapponese. Le frotte di turisti in coda per provare l'emozione di una passeggiata a pelo d'acqua hanno creato un sovraffollamento che probabilmente neanche i più ottimisti osavano immaginare: tanto meno i ristoratori e i negozianti del luogo, che ancora paiono non credere ai propri occhi di fronte a tanti clienti tutti insieme.

Diciamolo subito: visitare The Floating Piers è un'esperienza che vale la pena fare, anche se per evitare disagi sarebbe bene adottare qualche piccolo accorgimento. Ressa e caldo sono le maggiori minacce. Quasi superfluo dire che per evitare lunghe attese è preferibile visitare l'opera di Christo in settimana e non nei weekend, oppure nelle prime ore della giornata, quando le passerelle - ma anche i treni e i parcheggi nelle vicinanze (quelli a pagamento costano all'incirca 20 euro con navetta per la passerella) - non sono ancora gremite.

Se non si hanno alternative, invece, una buona soluzione potrebbe essere quella di raggiungere i pontili galleggianti non seguendo il percorso tradizionale - ovvero, accesso da Sulzano, poi passeggiata sull'acqua fino a Monte Isola e alla piccola isola privata di San Paolo - ma arrivando direttamente sulle passerelle via traghetto, con partenza da Iseo o da uno dei paesi affacciati sul lago e sbarco a Monte Isola: in questo caso è più semplice trovare parcheggio, con un po' di fortuna anche gratuito, e la coda da fare all'imbarcadero non è nulla in confronto agli estenuanti tempi di attesa dell'ingresso principale di Sulzano (meglio comunque prenotare sul sito Navigazione sul Lago d'Iseo).

Una volta approdati sulle passerelle, ha davvero inizio l'esperienza di The Floating Piers. Lo stesso Christo consiglia di camminare a piedi nudi per entrare ancor più in sintonia con l'opera, ma non tutti lo fanno. Il deflusso è inizialmente lento, specialmente nel tratto di percorso che costeggia Monte Isola; ma passo dopo passo la calca si dirada e ci si ritrova d'improvviso sospesi nel mezzo del Lago d'Iseo ad ammirare un'incantevole quiete di acqua ferma e monti silenziosi.

Il giallo acceso delle passerelle contrasta splendidamente col plumbeo della superficie del lago creando un sorprendente effetto abbagliante, ma occhio: sia l'acqua, sia il telo che ricopre le passerelle riflettono spietati i raggi del sole, per cui cappello, protezione solare e rifornimento d'acqua sono indispensabili. Per coprire l'intero tracciato (3 km di pontile più 2,5 km di strada lungo Monte Isola) si impiegano almeno tre o quattro ore.

Un bel modo, The Floating Piers, per trascorrere un'insolita giornata di inizio estate: un'esperienza irripetibile - Christo ha annunciato che non ci saranno mai più altri Floating Piers nel mondo - che si può provare solo fino a domenica 3 luglio 2016, quando il miracolo finirà. Poi, un giorno, si potrà ancora tornare sul Lago d'Iseo e rimanere spaesati di fronte a quel grande specchio d'acqua su cui una volta - sarà incredibile a dirsi - si poteva camminare.

Potrebbe interessarti anche: , Flixbus, 130 tratte da Milano nell'estate 2020: destinazioni e misure di sicurezza , Bernina Express: i prezzi dell'estate 2020 per il trenino rosso che viaggia tra panorami mozzafiato

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.