Outdoor Milano Idroscalo di Milano Lunedì 13 luglio 2015

Estate a Milano: all'Idroscalo tra piscina e sport

Idroscalo
© Lorenzo Barberis
Altre foto

Milano - Quando mi capitava di pensare all’Idroscalo avevo sempre immagini tra il triste e il ridicolo. Vedevo gente piazzata su un prato a bere birra credendo di essere a Santa Margherita (senza andare troppo lontano, nemmeno con la fantasia), o fare il bagno e riemergere coperta di melma.

Immaginavo i bambini con i braccioli urlare «che bello, il mare!» e le mamme portare da casa le cotolette e il riso giallo. In questa domenica di luglio ho pensato che andare all’idroscalo sarebbe stato un buon modo per esplorare la fauna milanese nel suo momento più critico: l’estate.

Toh, sono sempre venuto al Magnolia e non sapevo che il leggendario Idroscalo fosse proprio qui dietro. Avrei potuto fare il bagno dopo il concerto di Fritz Kalkbrenner. Appena entrato qualcosa mi sorprende: a parte l’immensa fila di macchine, non c’è la folla che mi aspettavo.

L’atmosfera è più quieta della spiaggia: non c’è rumore, né ambulanti, né guerra per il posto all’ombra. Invece vedo un grande campo da rugby, due da calcio, un tendone polisportivo e un'immensa piscina. Questa è quella della Villetta, mi dicono, che è diversa da quella della Punta dell’Est che vedrò più avanti. Due piscine, quindi, più un bacino idrico lungo 2.600 metri e largo 450 e 300 metri nelle due estremità.

Un sacco d’acqua, se siete abituati a ragionare col Naviglio Pavese. Attraversiamo la zona attrezzata della piscina e dei campi e arriviamo sulle rive dell’Idroscalo. Immenso, incredibile, quasi bello. Non sembra proprio il luogo di noia e rammarico estivo che immaginavo: lungo il cammino noto, oltre ad una serie di bar e locali, un piccolo skatepark, una pista asfaltata da pattinaggio, un parco avventura per bambini, e infine il palco sospeso sullo specchio d’acqua fronteggiato dalle tribune coperte. Scopro anche che alcuni spazi, come la torretta e il CUS, oltre ad adempiere a funzioni sportive sono anche occasionalmente spazi espositivi. Mentre penso a tutto questo siamo già arrivati alla Punta Est.

Qui la situazione è, effettivamente, più da Riviera: spiaggia balneabile affollata, coda alle docce, baracchini che servono bibite e ghiaccioli a nastro. Con la differenza che, qua e là, si trovano grandi sculture di bronzo raffiguranti volti, mani e piedi. Un po’ Riviera Ligure quindi, e un po’ Vigeland Parken di Oslo.

C’è un maneggio con alcuni cavalli assediati dai continui sguardi dei bimbi. Più avanti, sorpassata la Punta Est, c’è un laghetto naturale ricco di ninfee e piante acquatiche e farfalle di ogni specie. Tra le cose che meno mi sarei aspettato, una merita una menzione speciale. Proprio oltre il recinto del maneggio sentiamo provenire note di musica rock’n’roll, di quello moderno e un po’ becero à la Bon Jovi.

L’orecchio non tradisce: ci troviamo nel bel mezzo del Cruisin Rodeo, evento espositivo di macchine e moto americane, con tanto di stand che vendono bandane e giacche di pelle, oltre ad un infinito numero di pezzi di ricambio di cui non indovinerei mai il nome e la funzione. Sembra di essere davvero in un angolo sperduto del Wisconsin, con due cowgirl che eseguono un carwash e un signore, sorprendentemente simile a zio Jesse, che si fa fotografare con la General Lee guidata dai cugini Duke nella mitica serie Hazzard. Ammetto che, se avessi visto anche una DeLorean, l’avrei guidata per tornare in tempi migliori.

Quello che mi viene da pensare dell’Idroscalo, ora che l’ho visitato, è che sia uno dei nonluoghi meglio riusciti nella storia: in esso la città si annulla, sprofonda nelle acque del canale e lascia gli individui liberi di classificarsi a seconda della finzione del proprio tempo libero. Qui potete essere skaters, quaterback, birdwatchers, surfers, free climbers, riders in stile rockabilly o dei comunissimi bagnanti. Nel caso siate indecisi su quale ruolo ricoprire quest’estate, vi do alcune dritte sugli eventi più imminenti:

  • per chi voglia dilettarsi con lo sci nautico, dal 6 giugno al 31 ottobre è aperta l’area Telesky che offre corsi di ogni livello
  • per gli appassionati di canoa, dal 19 al 23 agosto si terranno i campionati mondiali del Canoe Sprint World Championship
  • dal 28 al 30 agosto si terrano invece i campionato italiano di kayak velocità
  • dall’11 al 13 settembre la rassegna “Outdoor Games” apre competizioni sportive di ogni genere per tutti i cittadini
  • Infine, dal 19 settembre al 4 ottobre, siete tutti invitati ad un corso di pittura naturistica En plen Air nel parco Idroscalo

Per il resto del tempo, siete liberi di essere ciò che desiderate e lasciare che l’Idroscalo, così vicino alla città, vi faccia dimenticare per un attimo di casa vostra.

Potrebbe interessarti anche: , Pasquetta a Milano e gite fuori porta: idee per adulti e bambini , Tiro al volo: come muovere i primi passi in questa disciplina e dove praticarlo in Lombardia , A Milano è arrivata la primavera: la città avvolta dai colori. La fotogallery , Pratofiorito, il giardino della biodiversità di Eataly in piazza XXV Aprile: orari e info , Tulipani delle Meraviglie a Paderno Dugnano: info, orari e biglietti del nuovo giardino fiorito

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.