Cooperativa La Liberazione, a Milano un'osteria per ribelli

Food Milano Cooperativa La Liberazione Sabato 7 febbraio 2015

Cooperativa La Liberazione, a Milano un'osteria per ribelli

La sala d'ingresso della Cooperativa Liberazione
© Alessio Campo
Altre foto

Milano - Ad accoglierti è una scritta nera sul muro bianco, dice Lunga vita ai ribelli. E già qualcosa dovresti aver capito. Poi ti giri, gli occhi corrono sulle pareti. Decine di bottiglie e, accanto, ritagli del quotidiano Liberazione, un ritratto di Pepe Mujica, ex presidente dell'Uruguay, svariate tessere associative dell'A.N.P.I. e foto in bianco e nero dei partigiani. Sei arrivato alla Cooperativa La Liberazione in via Lomellina.

La sala d'ingresso è dominio del grande bancone di acciaio che ricorda quelli che abbiamo visto nei film, c'è anche una bilancia anni Cinquanta che guarda verso due vecchie poltrone in pelle. Alla cassa c'è l'oste Rudy che ha la faccia buona e sembra uscito dalla penna di Guareschi.

Basta percorrere il corridoio per incrociare lo sguardo di Antonio Gramsci che veglia sugli avventori in compagnia di una bandiera cubana. Siamo in zona nostalgia, ma con brio. Niente musi lunghi, il passato glorioso (per chi ci ha creduto) dialoga con il presente. Il poster di una giovane combattente curda che campeggia nella sala principale lascia intendere che la Resistenza esiste ancora.

Non è neutro l'immaginario della Cooperativa La Liberazione. Ma basta farsi un giro all'ora di pranzo per capire che è un posto dove si mangia bene e per questo accoglie persone molto diverse, anche quelle che non leggono il Manifesto. Qui si viene per trovare una solida cucina tradizionale lombarda - cotoletta, cassoeula, risotto, zuppe, ossobuco, stinco di maiale - che si mescola con incursioni etniche come, ad esempio, il tabulé. Aspettatevi porzioni abbondanti e bagnate il tutto con un vino a scelta, la lista è lunga.

I golosi dovrebbero provare i dolci, tutti fatti in casa. I prezzi? Decisamente onesti, spendendo 25 euro si torna a casa sazi. Ma chi volesse passare di lì solo per un dopocena, non corre il rischio di trovare chiuso: la Cooperativa La Liberazione è aperta tutte le sere fino all'una di notte, salvo la domenica.
Unico neo? L'impianto di aerazione da migliorare.

Potrebbe interessarti anche: , La pasticceria giapponese Hiromi Cake apre a Milano: un dolce angolo di Sol Levante , Canapè, a Milano il ristorante con menu e drink a base di canapa , Riaperto Il Camparino in Galleria, simbolo dell'apertivo a Milano: il nuovo look e lo zampino di Davide Oldani , Guida Michelin 2020, ecco quali sono i ristoranti stellati a Milano e in Lombardia (tra novità e conferme) , Jazz (anche) in cucina: il nuovo menù cajun del Blue Note Milano è un omaggio a New Orleans

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.