Mostre Milano Giovedì 22 gennaio 2015

Fondazione Prada apre a maggio. C'è anche Polanski

Il rendering del nuovo Museo della Fondazione Prada
Altre foto

Milano - C'è la data: è sabato 9 maggio. In quel giorno Milano avrà il nuovo Museo della Fondazione Prada in largo Isarco, zona Ripamonti. L'annuncio ufficiale è stato dato dalla maison che svela anche un fitto programma di mostre ed eventi per celebrare l'apertura.

Sviluppato su 19mila metri quadri, il complesso «è il risultato della trasformazione di una distilleria risalente agli anni Dieci del Novecento» scrivono dalla casa di moda, mettendo subito in chiaro che «la nuova sede di Milano ideata dallo studio OMA diretto da Rem Koolhass amplia il reportorio di spazi nei quali l'arte può essere esposta e condivisa con il pubblico».

Insomma, con la sua sede milanese, Fondazione Prada vuole essere promotrice di modalità inesplorate di fruire l'arte. E la partenza è al fulmicotone: da maggio e per tutta l'estate si susseguono iniziative di primo livello.

«Robert Gober e Thomas Demand realizzeranno installazioni site-specific pensate per entrere in dialogo con l'architettura industriale e i nuovi spazi del sito espositivo - si legge sul sito della casa di moda - Roman Polanski tradurrà in un documentario e in una serie di proiezioni le ispirazioni cinematografiche che stanno alla base della sua visione artistica». A corollario, una serie di mostre a partire da una selezione di opere d'arte della stessa Collezione Prada.

Ma mica finisce qui: la Fondazione ha in cantiere 2 mostre sorelle, Serial Classic e Portable Classic, curate dall'archeologo e storico dell'arte Salvatore Settis e dedicate all'arte antica e al suo influsso sulle tendenze successive, dal Rinascimento al Neoclassicismo. Gli allestimenti, curati sempre dallo studio OMA, saranno aperti in contemporanea a Milano e a Ca' Corner della Ragina, sede veneziana della Fondazione Prada.

Ufficializzato nel gennaio 2014, il progetto ha dunque rispettato i tempi: sarà pronto per Expo 2015. E promette sorprese anche sul fronte architettonico a partire dalla coabitazione fra edifici storici rimessi in ordine e strutture costruite ad hoc.

Dei 19mila metri quadri su cui il polo espositivo è distribuito, 11mila sono riservati ad aree espositive, ma il resto è destinato a spazi didattico-ludici e al relax. Di due di loro Fondazione Prada ha detto qualcosa di più: l'area per bambini è stata progettata da un gruppo di studenti dell'École nationale supérieure d'architecture de Versailles, mentre il bar porta la firma del regista Wes Anderson, quello di Grand Hotel Budapest, che ha ricreato l'atmosfera tipica dei vecchi café di Milano.

Potrebbe interessarti anche: , Leonardo3: orari, biglietti e novità del 2019, anno delle celebrazioni vinciane a Milano , Milano e Leonardo: 9 mesi di eventi e mostre nei 500 anni dalla morte , Dinosauri a Milano: la mostra per bambini (e non solo) alla Fabbrica del Vapore , Mostre a Milano. Il 2019 tra Leonardo e Lichtenstein, il 2020 l'anno delle donne , Il Pac di Milano riapre con la mostra di Eva Marisaldi: info, orari e biglietti

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

L'agenzia dei bugiardi Di Volfango De Biasi Commedia 2019 Il seducente Fred, l'esperto di tecnologia Diego e l'apprendista narcolettico Paolo sono i componenti di una diabolica e geniale agenzia che fornisce alibi ai propri clienti e il cui motto è 'Meglio una bella bugia che una brutta verità'.... Guarda la scheda del film