Milano Sabato 27 dicembre 2014

Capodanno 2015. I sogni dei milanesi per l'anno nuovo

L'Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele
© Flicrk - John Picken Photography

Milano - «Cosa vuoi che ti dica? Sogno di avere un lavoro a tempo indeterminato a due passi da casa». Margherita, 28 anni, grafica, non ci pensa un attimo. Per lei, un posto fisso è un miraggio, ma ha già pronto un piano B. «Milano è cara, non voglio tornare in Puglia, ma se non arriva nulla di un po' più sicuro, dovrò pensarci».

Mentre la città si prepara a festeggiare l'arrivo di un nuovo anno, abbiamo fatto un giro fra piazza Cinque Giornate e corso XXII marzo, a due passi dalla redazione, chiedendo ai passanti quale fosse il loro sogno per Milano nel 2015. Piccolo o grande, non importa. Ecco quali sono state le loro risposte.

«Spero che l'Expo non diventi un incubo per chi prende i mezzi pubblici e usa i parcheggi Atm tutti i santi giorni». Sara, 33 anni, copy di un'agenzia pubblicitaria, è una pendolare. Abita nella cintura di Milano e ogni giorno fa più di un'ora e mezza di viaggio per andare e tornare dal lavoro. La sua paura è lecita (e condivisibile).

«Sogno un concerto di David Bowie o almeno di Springsteen - Renato, 55 anni, dentista - Spero in Expo, d'altronde pare una parola magica. A questo punto la uso pure io» e ci saluta ridendo.

«Sogno la metro blu, potrei spostarmi da casa in un lampo». Giovanna, 41 anni, interprete, sa che la sua qualità di vita ne guadagnerebbe. «Abito in zona piazza Tricolore, oggi devo spostarmi coi tram. Con la M5 finita e la nuova M4 Milano diventerebbe una città più europea».

«Piste ciclabili!» Andrea, 17 anni, liceale, è in sella alla sua due ruote. Dovevamo aspettarci la sua risposta. «A marzo sono stato in vacanza ad Amsterdam. Lì ovunque ti sposti in sella. Pensa se fosse così anche a Milano. Meno inquinamento e chi usa l'auto, sa che è una sua scelta, non un obbligo».

Erica, 23 anni, parrucchiera, ha un sogno grande che vale per Milano, ma anche per l'Italia intera: «Spero che i soldi delle tasse che i cittadini per bene pagano siano utilizzati in maniera corretta e responsabile da chi ci amministra». Come non essere d'accordo?

«Più solidarietà fra persone - Rita, 65 anni, casalinga - aiutarsi fra vicini e conoscenti è diventato una rarità. Quand'ero piccola io si diceva Milan col coeur in man. Ora non è più così».

«Sogno che Milano possa farsi ammirare dal mondo con tutto il suo charme. Non buttiamoci già, la nostra città è bella!». Ambra, 30 anni, poliziotta, invita all'ottimismo in chiave Expo. Come in un botta e risposta, facciamo due passi e incrociamo Francesco, 77 anni, ex muratore. «Che cosa sogno per Milano? Che si possa passeggiare senza essere travolti. Qui corrono tutti, nessuno si guarda intorno e vede le belle cose del passato. Io non ho studiato, ma gli occhi per vedere ce li ho».

Chiudiamo con il sogno di Emma, 5 anni, "studentessa" d'asilo: «Voglio una piscina di mattoncini in cui tuffarmi. Si può, mamma?».

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Gloria bell Di Sebastián Lelio Drammatico 2018 Gloria Bell ha cinquant'anni, un marito alle spalle e due figli che non hanno più bisogno di lei. Dinamica e indipendente, canta in auto a squarciagola e si stordisce di cocktail e di danza nei dancing di Los Angeles. Una notte a bordo pista incrocia... Guarda la scheda del film