Milanesiana 2014. Gli ospiti, le date, il programma - Milano

Libri Milano Mercoledì 21 maggio 2014

Milanesiana 2014. Gli ospiti, le date, il programma

Elisabetta Sgarbi, direttore artistico della Milanesiana
© Julian Hargreaves

LA MILANESIANA 2014: IL PROGRAMMA COMPLETO

Milano - Ha 15 anni, la Milanesiana. È una giovane donna che guarda al futuro indagando la Fortuna. Sul tema si discetterà lungo i 18 giorni nei quali si articola la kermesse - totalmente gratuita - ideata da Elisabetta Sgarbi.
Dal 23 giugno al 10 luglio
la Cultura è come sempre protagonista in un programma che affianca ad appuntamenti tradizionali come le serate al Teatro Dal Verme e gli Aperitivi con l'autore alla Sala Buzzati della Fondazione Corriere, nuove proposte, su tutte un corposo programma di mostre e spettacoli teatrali e tante mini-sezioni che invandono decine di spazi di Milano, sconfinando a Torino, con maggior forza rispetto al passato.

Gli ingredienti del grande evento ci sono. Fra i 160 ospiti si contano un premio Nobel e un Pulitzer, 4 premi Strega, 2 premi Tenco, una Palma d'Oro e 2 premi Duse, per limitarci a un assaggio. Ma non sono queste le componenti che hanno fatto palpitare Sgarbi in fase di preparazione: «Trovare i finanziamenti è stato molto più impegnativo di quanto non sia stato costruire il programma» ha detto il direttore artistico in sede di presentazione.

I tagli si sentono anche alla Milanesiana che ha visto un'ulteriore riduzione di budget passando dai 690mila euro del 2013 ai 600mila di quest'anno, «200mila dei quali sono stati coperti da contributi pubblici» ha precisato Sgarbi.
Primo finanziatore è ancora una volta la Provincia di Milano. E anche qui le spine fanno compagnia ai petali. Perché il 31 dicembre 2014 sull'ente di Palazzo Isimbardi cala definitavamente il sipario. Resta così da capire da chi verranno assorbiti competenze e fondi (e in che modo verranno rimodulati). Milanesiana si trovi schiacciata fra la voglia di crescere e lo spauracchio della cancellazione.

Ma veniamo al programma che affronteremo per grandi linee, escludendo gli eventi torinesi.

AL DAL VERME
L'inaugurazione del 23 giugno vede l'intervento del Ministro della Cultura Dario Franceschini, il prologo dell'autore statunitense Jonathan Lethem in libreria con Il giardino dei diffidenti (Bompiani) e il dialogo fra Edoardo Nesi e Gino Paoli. E il cantautore ligure chiude la serata in musica con l'accompagnamento di Danilo Rea.

Micheal Cunningham sbarca alla Milanesiana da habitué: Il 24 giugno l'autore de Le ore incontra la collega Melania Mazzucco nel corso di una serata chiusa dal concerto di Ute Lemper alle prese con Pablo Neruda.

Chiude il terzetto di eventi imperdibili di questa sezione l'incontro del 25 giugno con il premio Nobel per la Letteratura Gao Xingjian del quale viene proiettato un cortometraggio e si ascolta un inedito. Lo stesso fa Susanna Tamaro.

APERITIVO IN CITTA'
All'ormai storia sezione Aperitivo con l'autore (in calendario dal 24 al 26 giugno) si aggiunge una 4 giorni di eventi che va dal 4 al 7 luglio ed è ospitata dalla Sala Buzzati e dalla biblioteca Valvassori Peroni. Oltre ad un focus dedicato alla trasmissione Masterpiece con la partecipazione dei giudici-scrittori Andrea De Carlo e Giancarlo De Cataldo il 7 luglio, segnaliamo l'appuntamento del 4 luglio dedicato alla lettura scenica - in anteprima nazionale - di Tony Laudadio intitolata Il malloppo da un testo di Marcello Marchesi.

ORARIOCONTINUATO
aprono la seconda parte del programma 2014 della Milanesiana che si estende dal 27 giugno al 2 luglio. Dalla tarda mattina alla sera si susseguono incontri ed eventi che rientrano in 5 differenti sottoinsiemi. Il respiro della musica (27, 28 e 29 giugno) è accolto a Palazzo Reale e vede momenti di approfondimento curati da Paolo Terni e dedicati a compositori come Liszt, Bach, Debussy la cui musica è eseguita al piano da Michele Sganga.

Torna anche quest'anno alla Sala Buzzati Viaggio in Italia (30 giugno, 1 e 2 luglio) con focus su Liguria, Piemonte e, ovviamente, Milano. A parlare sono i rispettivi indigeni come Antonio Ricci, Piero Chiambretti e Luca Doninelli.
A questa sezione fa da controaltare al Teatro Grassi Viaggio in Europa, Mondo (30 giugno, 1 e 2 luglio) arricchito dalla partecipazione degli scrittori Hanif Kureishi, Erica Jong, del regista Win Wenders e dello spettacolo Le vite impossibili di Greta Wells. Scritto da Andrew Sean Greer, vede l'interpretazione dell'attrice Michela Cescon e l'intervento al piano di Carlo Boccadoro.

Filosofia e fortuna (28 e 29 giugno) è l'area affidata all'Università IULM - divenuta partner di maggior peso - che ospita un confronto fra il premio Nobel per l'economia Robert Aumann e il teorico dei non luoghi Marc Augé, concluso da un concerto di Antonio Ballista e Lorna Windsor.

Restata per ultima, merita particolare attenzione Viaggio nella parola, nell'arte (30 giugno, 1 luglio) arricchita dal conferimento della Rosa d'Oro della Milanesiana all'artista Antonio Lopez Garcia alla Pinacoteca di Brera. Di lui parleremo nel paragrafo sulle mostre.

LA ROSA MONOGRAFICA
Terza e ultima sezione della Milanesiana, raggruppa appuntamenti che vanno dal 4 al 10 luglio e variano per luogo e orario.
Ci pare doveroso segnalare l'appuntamento monografico dedicato all'ex premier Mario Monti (7 luglio) che, al Politecnico, si racconta dialogando con l'architetto Vittorio Gregotti. A chiudere l'evento, il live del Piano Duo composto da Michele Campanella e Monica Leone.

Altra chicca di questa parte di programma è la riduzione dello spettacolo Finalmente Truffaut (8 luglio) con Sergio Rubini nei panni del regista su testo di Mario Sesti e Valerio Cappelli. La pièce va in scena al Franco Parenti.

MOSTRE
Abbiamo già accennato al fitto calendario di mostre messe in programma da Elisabetta Sgarbi. 4 si svolgono a Milano, la più importante delle quali è senza dubbio Cena per due, pittura della realtà allestita alla Pinacoteca (1 luglio-10 settembre). Si tratta di un'esposizione-dialogo - curata da Manuela Piccarreta - che vede La Cena, un'opera del pittore realista Antonio Lopez Garcia entrare in relazione con La Cena di Emmaus di Caravaggio.

Interessante anche la mostra fotografica Tinto Brass. Tra popolarità e arte (23 giugno-10 luglio). Ospitata negli spazi dello IULM, è una riflessione, compartecipata dalla stesso Brass, sul suo lavoro di protesta e sperimentazione nell'ambito del cinema nostrano.
Chiudono il novero dei percorsi espositivi Milano Sotto Sopra (24 giugno-10 luglio) dedicata ai 50 anni della linea M1 della metropolitana e allestita alla Sala Buzzati e Citazione Còlta, personale dell'artista Federica Giglio, anch'essa visitabile allo IULM.

Qui il link per scaricare il programma completo.

Potrebbe interessarti anche: , Qual è la città dove si legge di più? Milano domina la classifica 2019 secondo Amazon.it , Camilleri, funerali privati e omaggi in tutta Italia: l'ultima volta a Milano e il primo libro venduto da Ibs.it , In viale Espinasse appartamento confiscato alla criminalità diventa biblioteca condominiale , Milano è la più romantica d’Italia: la classifica di Amazon delle città che leggono più romanzi rosa , Lettori di notte, le biblioteche di Milano aperte fino a tardi: elenco e orari

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.