Food Milano Skuisito Steak House e Wine Bar Mercoledì 19 marzo 2014

Skuisito. Steak House in Città Studi

© skuisito.it
Altre foto

Milano - Frigo vuoto e tanta voglia di una cena saporita. Nasce così la mia serata da Skuisito, steak house in via Pacini a cinque minuti dalla fermata Piola della M2 e letteralmente a due passi dallo Spazio Nohma.

Sono a poche centinaia di metri da casa ma nonostante il ristorante abbia aperto nel 2011, non ho ancora marcato visita. Tocca rimediare.

La vetrina affacciata sulla strada mette in chiaro che a farla da padrone qui è sua maestà la carne. Varcata la soglia mi trovo in una sala rettangolare dominata da un lungo bancone.

Dal soffitto pendono lampade rosse che scaldano l'ambiente. Quadri ispirati alla pop art affollano le pareti e dialogano con decine di bottiglie di vino che attendono di trovar casa in un bicchiere.

Basta fare qualche passo per accorgersi di una saletta rialzata che confina con la cucina e garantisce una maggiore tranquillità. Mi raggiunge una cameriere che, con cortesia, mi accompagna al tavolo.

Chiedo un bicchiere di vino rosso e lascio fare al sommelier. Nell'attesa mi dedico al menu: è ampio lo spazio dedicato agli antipasti. Al mio fianco una famiglia ha già ordinato il Fritto Skuisito, un ricco (e calorico) piatto composto da spiedini di pollo, onion rings, patate al mais, peperoncini jalapenos avvolti in pastella con relative salse e formaggetta.

Impossibile non annotare: Skuisito strizza l'occhio agli Stati Uniti. Impressione confermata qualche instante dopo, quando, due o tre tavoli più in là, vengono servite le Chicken Wings (le mitiche alette di pollo a stelle e strisce) e un doppio hamburger farcito con bacon e cipolla che scoprirò chiamarsi Toro Seduto.

Nonostante l'amore per l'America del Nord, questa sera punto sul classico. Proverò un Filetto al pepe verde e crema che arriva accompagnato da patate al forno e da una ciotolina di maionese.

Ho davanti 230 grammi di carne argentina cotta alla griglia. Morbida e sugosa, è ottima e  resa ancor più piacevole dalla crema che l'accompagna, meno apprezzabili le patate, alcune delle quali sono fredde.

Spazzolato il piatto, mi rituffo nel menu. Scopro piatti ben più sostanziosi del mio: che dire della Ribeye, la costata scozzese senz'osso di oltre 300 grammi o del Controfiletto argentino al barolo? Mi sembra di aver esagerato con l'austerità. Devo rimediare e chiedo la carta dei dolci.

Fra una serie di proposte golosissime scelgo la Crema catalana con crema di lamponi e l'opzione si rivela azzeccata. Chiedo il conto, ma prima mi attende una sorpresa: il simpatico cameriere chi mi ha servito lungo tutto il pasto mi offre un bicchierino di mirto gelato.

Mi alzo da tavola soddisfatta. Al momento di pagare il conto recita 36 Euro (2 dei quali di coperto). Un prezzo onesto per un ristorante da provare.
Skuisito è aperto anche a pranzo, mentre è chiuso la domenica. Durante la bella stagione alcuni tavoli sono allestiti nel dehor.

Potrebbe interessarti anche: , Joia e gli altri: i 5 ristoranti vegetariani da non perdere a Milano e dintorni , Le migliori gelaterie a Milano e in Lombardia: il gelato più buono nella guida 2019 del Gambero Rosso , Cascina Martesana, un'oasi di gusto e cultura sul Naviglio Piccolo di Milano , Sagre a Milano e in Lombardia: luglio 2019 tra pesce, birra, polenta, sardine e pesche , Il Mannarino, la Puglia a Milano: macelleria e ristorante in piazza De Angeli

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.