Mostre Milano Gam Galleria d'Arte Moderna Giovedì 5 dicembre 2013

Giuseppe Verdi e le arti alla GAM

Verdi ritratto da Boldini
© Un particolare del quadro esposto alla GAM

Milano - Giuseppe Verdi e le arti. Un titolo che dice tutto. Alla GAM Galleria d’Arte Moderna, apre il 6 gennaio la collettiva gratuita dedicata al compositore di Busseto, in occasione del bicentenario della nascita.

Curata da Paola Zatti insieme a Fernando Mazzocca, Angelo Foletto e Vittoria Crespi Morbio, l'esposizione è promossa e prodotta dal Comitato Nazionale per le celebrazioni verdiane presieduto dal Ministro della Cultura Massimo Bray e dal Comune di Milano e resterà aperta fino al 23 febbraio 2014.

Per festeggiare il cigno di Busseto, si è scelto il luogo più verdiano di Milano ovvero l'elegante spazio espositivo di via Palestro: «Nelle sale di Villa Reale va in scena non il Verdi musicista e grande compositore, ma l’uomo Verdi, artista completo e amante di tutte le arti, anche quelle figurative» ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

Le opere del museo entrano in dialogo con il lavoro del maestro, sia per questioni biografiche sia per tendenze artistiche, in primis quella romantica. Uno scambio di influenze che in molti casi si è tramutato in vera e propria amicizia, com'è accaduto con Domenico Morelli e Vincenzo Luccardi, di cui è restata traccia in un lungo carteggio.

Verdi fu anche un collezionista: in esposizione si trovano alcune opere provenienti dalla sua collezione privata del maestro allestita presso la casa di Busseto. In mostra anche opere provenienti dalla Casa di Riposo per i Musicisti di Milano, che Verdi sovvenziò e resta tutt'ora operante, e dal museo del Teatro alla Scala.

Musica e arti figurative vanno di pari passo anche nella creazione di scenografie e quinte per le messe in scena di tante opere come confermano i costumi di scena, bozzetti e figurini di proprietà del teatro alla Scala. esposti nella Sala del Parnaso. Su ogni aspetto, Verdi faceva prevalere il suo sguardo e l'approccio estetico.

Grande in vita, Verdi è restato tale anche dopo la morte. La sua figura ha saputo diventare icona, ottenendo la consacrazione attraverso lavori di artisti quali Vincenzo Gemito, celebri i suoi busti, e Giovanni Boldini che del maestro ha firmato il ritratto più noto, quello senile con il cilindro datato 1886. 

Potrebbe interessarti anche: , Preraffaelliti a Milano, amore e desiderio in mostra a Palazzo Reale: orari, biglietti e foto , Leonardo da Vinci 3D alla Fabbrica del Vapore: info, orari e biglietti della mostra , Leonardo mai visto al Castello Sforzesco, dalle mostre alla Sala delle Asse: orari e biglietti , Lichtenstein al Mudec: orari, biglietti e foto della mostra Multiple Visions , Broken Nature, la Triennale di Milano 2019 mette in mostra il futuro green: info, orari e biglietti

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.