Concerti Milano Stadio San Siro Venerdì 19 luglio 2013

60mila in estasi per i Depeche Mode

Depeche Mode

Milano - Sessantamila voci all'unisono, centoventimila braccia - rigorosamente dotate di cellulare-telecamera - per i Depeche Mode a San Siro.

Dave Gahan e soci sanno che l'Italia li ama e ricambiano con generosità. Il concerto che la sera di giovedì 18 luglio è andato in scena al Meazza è di quelli che non si dimenticano. Si apre con puntualità, sono da poco passate le nove, con Welcome to My World. Qualche ora dopo a chiudere lo spettacolo ci pensa Goodbye (escludendo i bis, ovviamente).

Già da qui, dalle scelte pensatissime della scaletta, si capisce che la band offre ai suoi fans qualcosa di più di un live, un momento di condivisione da vivere insieme, scandendolo con immancabili saluti, come si fa con gli amici o in qualunque rito, laico o religioso che sia.

Perchè i Depeche non sono un gruppo qualsiasi, basta dare uno sguardo a chi non è voluto mancare: ci sono molti ventenni e loro (possibili) genitori cinquantenni, quarantenni a non finire. Tutti dicono che questa musica da Personal Jesus a Enjoy the Silence, da Shake the Disease a Walking in My Shoes è, e resterà, la colonna sonora della loro vita.

Il concerto, che parte con la luce del giorno ancora alta, non vuol certo essere un'esplosione tecnologica - siamo lontani mille miglia dal palco high-tech di Beyoncé per capirci - ma regalare scariche di adrenalina, emozioni attraverso voce e musica. 

Se Gahan è un animale da palcoscenico intensissimo, gli occhi bistrati di kayal e un gilet a mettere in mostra le braccia tatuate, Martin Gore e Andy Fletcher si confermano musicisti d'eccellenza. C'è la conferma, la trentennale macchina DM non tradisce.

Quando cala il buio, sui maxischermi prendono consistenza le visioni pensate ad hoc da Anton Corbjin, fotografo e regista olandese che firma gran parte dei clip dei Depeche.

I fan cantano, intonati, come un solo corpo e si capisce perchè i biglietti del live di febbraio al Forum siano già esauriti, a meno di dieci giorni dal via alle prevendite. Nessuno intende perdersi un simile spettacolo.

Potrebbe interessarti anche: , JazzMi 2018, date e ospiti: il programma dei concerti da non perdere , U2 e J-Ax, David Garrett e Billy Corgan, Baglioni e Hotei: il calendario dei concerti di ottobre 2018 a Milano , Milano Music Week 2018, la settimana della musica da Elisa a Ramazzotti , Vasco Rossi nel 2019 in concerto a San Siro: 4 date a Milano (come minimo) , Stabilimento Estivo Base 2018: a Milano un'estate di eventi non stop, il programma

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Quasi nemici L'importante è avere ragione Di Yvan Attal Drammatico, Commedia Francia, 2017 Neïla Salah è cresciuta a Créteil, nella multietnica banlieu parigina, e sogna di diventare avvocato. Iscrittasi alla prestigiosa università di Panthéon-Assas a Parigi, sin dal primo giorno si scontra con Pierre Mazard, professore celebre per i suoi... Guarda la scheda del film