'Pixar. 25 anni di animazione' a Milano

Mostre Milano Lunedì 21 novembre 2011

'Pixar. 25 anni di animazione' a Milano

© John Lasseter LUXO JR 1986 Pastello
Altre foto

Milano - Pixar sbarca a Milano. Lo studio di animazione californiano è protagonista di una mostra antologica al PAC (via Palestro 14) che celebra i 25 anni dalla sua fondazione.
Pixar 25 anni di animazione
, apre al pubblico mercoledì 23 novembre e promette di essere un viaggio all'interno del mondo di Woody, Ratatouille e Nemo.

In occasione dell'apertura dell'esposizione - che arriva a Milano in anteprima per l'Europa - John Lasseter, Chief Creative Officer di Walt Disney e Pixar Animation Studios è sbarcato in Italia per raccontare la sua azienda.
Nel corso dell'incontro, Lasseter ha raccontato com'è nata la sua passione per il mondo animato: «Mia madre era un'insegnante di arte, sono cresciuto amando il disegno, poi, a 14 anni ho scoperto che si può essere pagati per fare cartoon» scherza il regista due volte Premio Oscar.
Camicia blu con disegni che farebbero impazzire i più giovani fra i fans dello studio di animazione californiano, Lasseter sarà anche protagonista dell'incontro Meet The Media Guru organizzato lunedì 21 novembre al Teatro Dal Verme.

«Sono diventato animatore della Disney, nel tempo ho scoperto che si poteva disegnare con il computer, la cosa che mi intrigava di più era avere a disposizione tre dimensioni - racconta lo sceneggiatore e regista della trilogia Toy Story - ho anche insistito per applicare questa tecnologia in Disney, ma all'epoca non è andata. Mi hanno licenziato».

Sono passati venticinque anni e l'intuizione di Lasseter è diventata la regola. Il mondo dell'animazione dopo l'uscita di Toy Story - era il 1995 e quel lungometraggio ambientato nel mondo dei giocattoli diventava il primo interamente realizzato al computer - non è più stato lo stesso.

La mostra, che sarà visitabile fino al 14 febbraio 2012, ripercorre i processi creativi che dall'ideazione portano alla realizzazione ultima di un film targato Pixar.
Come sede dell'esposizione Milano ha optato per una location altamente significativa, il Padiglione di Arte Contemporanea. Il senso di questa scelta lo spiega Maria Grazia Mattei, curatrice dell'edizione italiana dell'esposizione: «La mostra vuol essere un contributo, un interruttore per tornare a parlare di arte e di tradizione che transitano verso il nuovo».

Mattei si riferisce alla forte spinta creativa che anima Lasseter e la sua avventura al timone di Pixar Animation Studios, la voglia cioè di coniugare artigianalità classica, pittura e scultura in primis, in un prodotto dal fortissimo contenuto tecnologico.
Così, guardando all'amore dell'arte italiana che il bimbo John ha imparato dalla madre storica dell'arte - «È un sogno per me portare la mostra in Italia, un paese che mi ha ispirato per tutta la vita» aggiunge - si arriva alla passione che Lassater adulto nutre per il suo lavoro: «Toy Story era uscito da 5 giorni, stavo uscendo dall'aeroporto a Dallas con la mia famiglia - racconta - Ho visto un bimbo che stringeva un peluche che raffigurava Woody. Non dimenticherò mai il suo volto. Non vedeva l'ora di mostrare il suo gioco al papà, ne era orgoglioso. Da allora, quando lavoro, penso al volto di quel bambino».

Pixar. 25 anni di animazione
sarà visitabile dal 23 novembre al 14 febbraio al Pac, l'ingresso costa 7-5.50 Eu, info a mostrapixarmilano.it.

Potrebbe interessarti anche: , Da Van Gogh a Picasso: a Palazzo Reale i capolavori del Guggenheim di New York. Info, biglietti e orari della mostra , Marina Abramović: Estasi a Milano. La mostra alla Biblioteca Ambrosiana: orari e biglietti , Fujifilm e Monika Bulaj a Lodi per il Festival della Fotografia Etica 2019 , Raffaello 2020, la mostra a Milano in anteprima mondiale: info, orari e biglietti , De Chirico torna a Milano, la mostra a Palazzo Reale: info, orari e biglietti

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.