Libri Milano Venerdì 4 febbraio 2011

Nazione Indiana. Ce la racconta Gianni Biondillo

Milano - Cos'è Nazione Indiana? A raccontarcelo è Gianni Biondillo, architetto e scrittore e membro della tribù. «Nazione Indiana è uno dei blog letterari più letti in Italia. Riunisce donne e uomini di ambito e cultura differenti che tentano di dare voce a testi che la grande editoria non pubblica». Il blog - che non è il solo a muoversi a fil di rete, ci sono anche Carmilla, Lipperatura, Il Primo Amore - è nato nel marzo 2003. Ad occuparsi della redazione, un gruppo nutrito di intellettuali: della riserva hanno fatto parte, fra gli altri, Tiziano Scarpa, Carla Benedetti, Aldo Nove e Antonio Moresco, oggi fuoriusciti.

«Nazione Indiana lavora negli interstizi, rilasciando gocce di conoscenza che altrimenti resterebbero sconosciute» - prosegue Biondillo - «cerchiamo proposte interessanti che non trovano spazio. Come con Murene, deposito cartaceo di inediti "anti commerciali"». La collana - curata da Andrea Inglese insieme a Domenico Pinto, Andrea Raos e Massimo Rizzante - si compone di tre numeri l'anno e si riceve in abbonamento a 20 Eu.

«Abbiamo appena pubblicato L'angelo, le arance e il polipo di Ingo Schulze» - spiega Biondillo - «uno degli scrittori tedeschi contemporanei più importanti. Il nostro volume esce in contemporanea con l'originale in Germania. Nel 2010 Murene ha ospitato anche la prima uscita italiana del poeta americano Stephen Rodefer, Dormendo con la luce accesa».

Biondillo ci aiuta a capire cosa rende Nazione Indiana diversa dagli altri blog: «Noi siamo molto legati alla rete, andiamo alla ricerca di nuovi autori e manteniamo aperto il canale con i lettori del blog, che possono lasciare commenti su ciò che leggono. Spesso nascono grandi dibattiti, anche liti, ma è positivo, fa parte del confronto».

Che rapporti ci sono con gli ex di Nazione Indiana, molti dei quali scrivono ora per Il Primo Amore? «Hanno intrapreso strade differenti, ma non c'è nessuna lotta fra guelfi e ghibellini. Non è raro che capiti di collaborare con autori che un tempo erano con noi, come Tiziano Scarpa» - continua Biondillo - «Esistono rapporti umani e amicizie che vanno avanti al di là del diverso progetto. Il Primo Amore non assomiglia a Nazione Indiana: è anche una rivista cartacea, non consente commenti ai lettori. Insomma, è proprio un'altra cosa».

Potrebbe interessarti anche: , Qual è la città dove si legge di più? Milano domina la classifica 2019 secondo Amazon.it , Camilleri, funerali privati e omaggi in tutta Italia: l'ultima volta a Milano e il primo libro venduto da Ibs.it , In viale Espinasse appartamento confiscato alla criminalità diventa biblioteca condominiale , Milano è la più romantica d’Italia: la classifica di Amazon delle città che leggono più romanzi rosa , Lettori di notte, le biblioteche di Milano aperte fino a tardi: elenco e orari

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.