Concerti Milano Giovedì 7 ottobre 2010

Le Sorelle Marinetti al Blue Note. In scaletta brani da Moulin Rouge e Romeo+Giulietta

© Valentina Pierallini

Le Sorelle Marinetti sono i tre attori e cantanti Nicola Olivieri, Andrea Allione e Marco Lugli che riportano in voga gli anni '30 in musica e costumi come tre signore dell'epoca e con un repertorio di brani swing sempreverdi, come Tulipan, Il pinguino innamorato, Ma le gambe e altri ancora. Dietro al progetto c'è il loro produttore Giorgio Bozzo, il maestro Christian Schmitz e la collaborazione dell'Orchestra Maniscalchi.

Milano - Davanti a me tre distinte signorine anni 30: rossetto, parrucca e abbigliamento retrò. Poi le presentazioni: «Piacere, Marco», «Ciao, Nicola», «Molto piacere, Andrea». Crisi d'identità? No. Si tratta della dimostrazione che ho stretto la mano a tre attori professionisti che interpretano le Sorelle Marinetti, legati ad un progetto con un grande studio alle spalle. Dietro alla parrucca si nascondono un attore diplomato all'Accademia Filodrammatici, un baritono e un coreografo. C'è molto divertimento alla base di tutto questo: ricordo un concerto in cui Nicola, alias Turbina, cadde a terra e tutti continuarono a cantare come se fosse parte dello show... «Può capitare!» - mi risponde Turbina - «quello che piace al nostro pubblico è che si nota che lavoriamo da dieci anni: siamo affiatati anche negli incidenti. È la magia del teatro, si fa musica assieme, anche una caduta può diventare motivo di spettacolo se c'è alchimia».

Leggo il post di un fan sul loro profilo Facebook: «40 minuti di attesa per riuscire ad avere il biglietto ma ce l'ho fatta, ormai è più facile acquistare i biglietti per Madonna!» e specifico che io, per Miss Veronica Ciccone, ho aspettato due giorni interi. «Beh, Madonna ha 50 anni di carriera (a dire il vero qualcuno di meno)...noi 70 anni di storia, dagli anni '30 al 2000. I nostri fans sono molto generosi e ci fa molto piacere». L'apice del loro successo è stato senz'altro la partecipazione a Sanremo con Arisa, e proprio non resisto: ma ci è o ci fa? «Cinquanta e cinquanta!» A rispondere è Andrea, alias Mercuria: «In realtà è molto timida e tranquilla». Arisa ha debuttato qualche giorno fa in tv come opinionista a Victor Victoria su La7. Chissà se anche le Sorelle Marinetti si daranno alla televisione prima o poi. Turbina mi guarda dubbiosa: «Noi amiamo il teatro. Lì abbiamo la possibilità di dimostrare che oltre all'immagine c'è anche un contenuto» E poi Mercuria: «Ci vorrebbe un programma particolare per far capire il nostro progetto teatrale; in televisione non ci sarebbero i tempi giusti, rischierebbe di essere un'arma a doppio taglio».

Poi passiamo all'evento del Blue Note per celebrare l'arrivo di 20th Century Fox sul mercato del Blu ray: «Curioso no? Associare tre signore anni '30 all'innovazione tecnologica» a dirlo è Turbina. E poi Scintilla: «I film di Luhrmann, Moulin Rouge e Romeo + Giulietta sono pieni d'immaginazione, qualcosa di vicino al nostro mondo. Ad esempio - l'assolo di Satine, stella del Moulin Rouge in Sparkling Diamonds - è molto vicino al nostro gusto». Poi la parola passa al Maestro Schmitz, arrangiatore e artefice del progetto: «L'ambientazione retro-futurista dei film è stata molto stimolante. L'orchestra Maniscalchi e le Marinetti hanno un repertorio italiano swing e jazz anni 30 e 40, l'obiettivo è quello di fare propri brani così distanti per ricreare la magia di quegli anni» - prosegue il maestro - «Roxanne non sarà un tango come nel film o come nella versione di Sting. Non si poteva nemmeno fare swing, sarà una sorpresa del tenore Gian De Martini». Un lavoro divertente o difficile, visto il così poco tempo per organizzarlo? «divertente - dice Mr Schimtz - la fatica è quella di sempre. Forse un pochino di più perché Moulin Rouge ha una colonna sonora rivisitata rispetto all'originale, e quindi c'è stato un doppio lavoro di ascolto».

Progetti futuri? Ci sono ma non si dicono. Probabilmente portare nel prossimo tour - che parte a marzo - le nuove rivisitazioni. Magari al fianco di Paola Cortellesi, con cui mi confidano desidererebbero collaborare.
Vi scambiano mai per delle drag queen? «Si, ma non lo siamo anche se a volte ce lo chiedono, ci vedono con una parrucca...niente in contrario, ma siamo prima di tutto tre attori». E poi c'è l'amore per il pubblico, anche quello gay: «Sì, ma è arrivato dopo. Forse perché non indossiamo le paiettes» - scherzano - «Quello che conta è il contatto che abbiamo con le persone, anche per questo il live nei teatri è tanto importante».

Potrebbe interessarti anche: , Concerti ad agosto: a Milano e in Lombardia estate in festival , Notturni in Castello 2018, la colonna sonora dell’estate milanese , Stabilimento Estivo Base 2018: a Milano un'estate di eventi non stop, il programma , PoliMi Fest 2018 tra concerti e cinema all'aperto: il programma completo , Radio Italia Live Milano 2018: la scaletta e la fotogallery del concerto

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Darkest Minds Di Jennifer Yuh Nelson Fantascienza U.S.A., 2018 Dopo che una malattia sconosciuta ha ucciso il 98% dei bambini, il 2% dei sopravvissuti sviluppa misteriosamente dei superpoteri. Proprio a causa delle loro straordinarie abilità, i ragazzi vengono dichiarati una minaccia dal governo e rinchiusi in campi... Guarda la scheda del film