Circolo Magnolia: una tribù che balla, tra i boschi dell'Idroscalo - Milano

Concerti Milano Circolo Magnolia Lunedì 16 agosto 2010

Circolo Magnolia: una tribù che balla, tra i boschi dell'Idroscalo

Milano - Il Circolo Magnolia ha cinque anni di vita. Ma gliene daresti molti di più. Non perché se li porti male, tutt'altro. Sembra essere là, nel parco intorno all'Idroscalo, da una vita. In poco più di un lustro ha saputo costruirsi una reputazione trasversale fra habitué della notte, discografici e amministratori, diventando un punto di riferimento "alternativo" per chi cerchi buona musica a prezzi accessibili.
Facciamo un passo indietro: il Magnolia è prima di tutto un circolo e, come tale, ha uno statuto che ne regolamenta doveri e obiettivi. Il suo è quello di promuovere attività culturali, ricreative e anche formative senza finalità di lucro. Per mantenersi il Magnolia conta sulle tessere annuali: 10 Eu per un anno di fruizione. Nel 2010 gli associati sono circa 32.000, un numero che ne fa il Circolo Arci più grande d'Italia.

Come spiegare il boom di un posto così nella città che è stata (e per certi versi è ancora) il simbolo del rampantismo? A sentire gli aficionados le ragioni del successo sono principalmente due: la location e la qualità della musica. Il circolo si trova a Segrate, a ridosso dell'Idroscalo, all'interno di un bosco. Un'opportunità rara in città, che il locale sfrutta il più possibile, d'estate soprattutto, quando stare all'aperto è piacevole e i palchi si moltiplicano per adeguarsi a ogni serata, dai djset ai live veri e propri.
E poi c'è la musica: in questa stramba estate si sono alternati sul palco Samuele Bersani, Club Dogo, Ministri, Sud Sound System e 3 Allegri Ragazzi Morti, assieme a tanti altri meno noti, su tutti i maghi della consolle.
I prezzi? Basta scorrere il calendario per scoprire che la serata più cara costa 15 Eu.

Con la fine della bella stagione arriva Magnolia Parade, un festival all'insegna della varietà. Dal 2 al 4 settembre - da pomeriggio a notte inoltrata - sarà tutto un susseguirsi di live e djset di band assai diverse (per genere, stile, storia) fra cui Motel Connection, Crystal Castles e Alex Kapranos dei Franz Ferdinand. L'abbonamento alla tre giorni costa 35 Eu, il giornaliero 15 Eu.
Gli appuntamenti in agenda nelle prossime settimane da non perdere sono invece il concerto degli americani Against me giovedì 19 (10 Eu), l'ormai tradizionale Limone Party (davvero serve che spieghi di che si tratta?) con djset e show di Dente sabato 21 (10 Eu), mentre giovedì 26 tocca a Melissa Auf Der Maur, già Smashing Pumpkins e Hole (10 Eu).

Potrebbe interessarti anche: , De Andrè Sinfonico, a Milano il tributo con laVerdi e Geoff Westley: biglietti e scaletta , Rockin' 1000, Sting, Coez, Capossela: i concerti di ottobre 2019 da non perdere a Milano , Idays Milano 2020, data e biglietti del primo concerto confermato: sul palco Billie Eilish , Jovanotti, 100 mila a Milano: il racconto con foto e video del Beach Party a Linate , Milano Music Week 2019: date e primi ospiti di un programma aperto a tutti

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.