Teatro Milano Giovedì 8 luglio 2010

Hard Candy: seduzione e vendetta dal mondo delle chat. Al Franco Parenti fino al 17 luglio

Milano - Hard Candy è un ossimoro dello slang di internet usato per indicare una lolita particolarmente appetitosa, una bella minorenne. Hard Candy è anche un piccolo film del 2005 diretto da David Slade (attualmente nelle sale con The Twilight Saga: Eclipse) e scritto da Brian Nelson, che fece conoscere al grande pubblico attori oggi affermati come Patrick Wilson (Watchmen) e Ellen Page (Juno). In questi giorni, infine, è anche una piece teatrale in atto unico diretta da Corrado D'Elia, in programmazione prima al teatro Libero e poi - per far fronte al grande afflusso di pubblico - al Franco Parenti. Le repliche proseguiranno fino al 17 Luglio.

Desiree Giorgetti
è Hayley, una 15enne disinibita che conosce in chat su internet il fotografo Jeff , Daniele Ornatelli, di ben 18 anni più grande di lei. Tra i due scatta un gioco di seduzione che svelerà un atroce piano di vendetta da parte della giovane aguzzina, il quale porterà drammaticamente la vittima ad affrontare il proprio abisso interiore. Fedele al film nella maggior parte dei dialoghi (anche se molti sono stati "ripensati" per il palcoscenico), Hard Candy si discosta dal modello che l'ha preceduto proprio nell'interpretazione dei personaggi, sia da parte degli attori che dal regista Corrado D'Elia.

Il media teatro rielabora il rapporto tra i protagonisti, riuscendo ad imprimere nella storia un inedito senso di ironico quanto folle sadismo. Dal flirt alla tortura, il passaggio non è mai netto: piuttosto è un gioco ad incastro che ruota intorno a se stesso in una spirale di lucida follia. Complice in questo è anche il linguaggio formale, attento ad utilizzare al meglio una scenografia volutamente essenziale e minimalista, che in alcuni momenti della narrazione riesce quasi a diventare una sorta di vertigo ipnotico grazie ad un elaborato gioco di luci.

Per quanto sofisticato, Hard Candy è un lavoro dal sapore universale, soprattutto nella natura dei suoi significati più intimi. Che nella chiusa parlano evidentemente dell'ineluttabile incontro con il proprio senso di colpa, qui estetizzato e trasferito su terreni estremi. Un piacevole divertimento che invita anche a riflettere

Potrebbe interessarti anche: , Triennale di Milano: la stagione 2018-2019 del Teatro dell'Arte , Teatro Martinitt: 2018/2019, una stagione di fantasisti , Al via le campagne abbonamenti per la stagione 2018/2019 del Teatro Franco Parenti , Elfo Puccini: una stagione nuova 2018/2019 per il teatro di Milano , Teatro Fontana: la stagione 2018/2019 in bilico tra classici e sperimentazione

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Il GGG Il Grande Gigante Gentile Di Steven Spielberg Avventura, Fantastico U.S.A., Regno Unito, Canada, 2016 Il GGG è un gigante, un Grande Gigante Gentile, molto diverso dagli altri abitanti del Paese dei Giganti che come San-Guinario e Inghiotticicciaviva si nutrono di esseri umani, preferibilmente bambini. E così una notte il GGG – che... Guarda la scheda del film