Weekend Milano Mercoledì 19 maggio 2010

Da Irene Grandi a Micheal Bublé. Tutto il weekend a Milano

MUSICA
Pochissimi hanno avuto la fortuna di assistere ad un concerto di Frank Sinatra, incontrastato re dei crooners ed idolo di schiere di ragazzine oggi diventate nonne. Per i fans dello swing, però non tutto è perduto: il 23 maggio al Mediolanum Forum è in arrivo il concerto di Micheal Bublé che molti indicano come l'erede di The Voice. Stesse origini italiane, identica voglia di farcela, di mezzo sessant'anni esatti di storia. Eh già perchè Micheal Steven Bublé nasce nel 1975 a Burbaby in Canada, Frank Albert Sinatra a Hoboken, nel 1915. Micheal porta in Italia, sua seconda patria, il nuovo album Crazy Love pubblicato lo scorso anno e forte di qualcosa come 4 milioni di copie vendute. Bublé coniuga grandi classici come Me & Mrs Jones o Come Fly with me al suo repertorio fatto di singoli orecchiabili, il primissimo Moon Dance fu in heavy rotation per mesi alla radio, fino all'ultima Crazy love che dà il titolo al disco. Il concerto è già sold out, appuntamento al Forum di Assago domenica 23 ore 21.
Irene Grandi è un panzer. La sua carriera è iniziata a 24 anni sotto l'ala protettiva di Jovanotti che per lei ha scritto T.V.B. E da quel momento non s'è fermata un secondo: innumerevoli partecipazioni al Festivalbar, collaborazioni importanti - Vasco, Pino Daniele, Gaetano Curreri, Edoardo Bennato sono fra gli autori di alcune sue hits e cinque visite a Sanremo, l'ultima delle quali lo scorso febbraio con La Cometa di Halley firmata da Francesco Bianconi, leader dei Baustelle. Irene Grandi arriva a Milano con un tour teatrale, occasione per proporre live i brani di Alle porte del sogno, pubblicato a cinque anni da Indelebile, ultimo lavoro di soli inediti. Il concerto di venerdì 21 (ore 21) al Teatro Smeraldo promette sorprese: non solo musica, ma anche un mini recital di poesie e una video proiezione arricchiranno la serata. Biglietti ancora disponibili a partire da 25 Eu.
Di nicchia, l'appuntamento proposto dalla Salumeria della Musica: venerdì 21 dalla 22.30 il cantautore Carlo Fava presenta un live che vuole essere una carrellata della sua produzione, lunga ormai un ventennio: Tutto Carlo Fava, dalla A alla Z. Non solo canzoni, ma anche impegno e riflessione. Ad accompagnarlo, musicisti raffinati come Giulio Visibelli, Marco Bianchi e Armando Corsi. Costo d'ingresso, 10 Eu.

CINEMA
Dedicati a chi non intende abbandonare il buio della sala, neppure con l'arrivo della bella stagione, gli appuntamenti cinefili dello Spazio Oberdan: da giovedì 20 a domenica 30 maggio la cineteca ospita una corposa retrospettiva a Ferzan Ozpetek, regista italo-turco fra i più premiati al botteghino. Non manca neanche uno dei suoi otto lungometraggi, dal Bagno Turco-Hammam, che apre la rassegna, fino al recentissimo Le Mine Vaganti. Per il programma, potete consultare il sito dello Spazio Oberdan. Un'altra proposta per chi voglia viaggiare con le immagini arriva dal cinema Gnomo con la quinta edizione di Brasil, il ciclo di proiezioni dedicato al cinema di San Paolo e dintorni. Tutti i giorni da giovedì 20 a domenica 23, un appuntamento diverso: consigliati il lungometraggio O Cheiro do Ralo di Heitor Dhalia, in programma venerdì 21 alle 20.30 e Estomago di Marcel Jorge, pluripremiato al Festival di Rio del 2007, proiettato domenica 23 alle 22. Al sito www.ibrit.it sinossi dei film e programmazione.

Milano - ARTE
Non le solite foto. A chi voglia conoscere due professionisti emergenti dell'obiettivo, si consigliano la doppia personale di Elad Lassry e Josh Smith, rispettivamente israeliano il primo e statunitense il secondo. Poco più che trentenni, portano i loro lavori per la prima in Italia grazie alla Galleria Massimo De Carlo. L'allestimento è composto da una decina di scatti di Lassry e dalle tele e dai collage di Smith. Se per Lassry ogni fotografia Euna scenografia di cui curare ogni dettaglio, per Smith Enella contaminazione fra generi, temi che l'arte può trovare una nuova strada da percorrere. La Galleria De Carlo si trova in via Ventura 5, l'ingresso è libero, vernissage il 19 maggio dalle 19.
Tutt'altro genere di foto quelle in mostra da domenica 23 maggio fra corso Garibaldi e largo La Foppa in occasione della Prima Giornata Mondiale del Figlio. Ventiquattro ore per riflettere su cosa significhi essere figlio, 'unico e vero logo universale a livello mondiale' a sentire Oliviero Toscani, responsabile della comunicazione del progetto. Gli scatti a colori con i volti di tanti bambini che hanno vissuto il dramma dell'abbandono portano invece la firma di Rocco, che di Toscani è- manco a dirlo - figlio. La mostra resterà en plein air fino al 6 giugno. Non foto, ma installazioni quelle in mostra a Palazzo Citterio per la prima personale di Paul McCarthy, genio alternativo e folle dell'arte contemporanea americana. Ingresso libero, tutti i giorni dalle 10 alle 20.

SPORT
Sabato 22 maggio sarà comunque una giornata storica per gli interisti: dopo 55 anni undici nerazzurri percorreranno il tunnel che separa gli spogliatoi dal campo per giocarsi la finale di Champions League. L'atmosfera è caliente a Madrid, ma pure Milano non scherza. Tant'è che il Comune ha deciso di trasmettere la partita su maxischermo nel salotto della città piazza Duomo. Novanta minuti ad alta tensione che sfocerà in gioia qualora le cose dovessero mettersi al meglio per Mourinho&Co. Chi vuol partecipare non deve fare altro che trovarsi in piazza Duomo allo scoccare del calcio d'inizio previsto per le 20.30.

TEATRO
Quando si parla di afterhour, la prima immagine che scorre nella testa è quella di una fumosa discoteca affollata quando fuori si fa giorno. Di certo il termine non era mai stato associato al teatro. Poi sono arrivati I Demoni all'Hangar Bicocca e le cose sono cambiate. Con dodici ore di spettacolo, nove di recitazione e 180 minuti di pausa, si può ben parlare di non-stop drammaturgica. Una piéce evento che fa parlare di sé da settimane e che finalmente si appresta ad andare in scena in un luogo che non è nato per il teatro, ma ben si presta a quest'avventura. I prezzi non sono proprio popolari (62 Eu) ma, data l'elaborata produzione, il cast foltissimo e l'esperienza di certo indimenticabile, ne vale la pena. Non prendete impegni però: chi acquista il biglietto per la replica di sabato 22, deve trovarsi in viale Sarca intorno alle 11 per uscirne non prima delle 23. Cliccate qui per tutte le informazioni sullo spettacolo e la successiva tourné.
Per chi preferisce la danza agli Arcimboldi arriva la tre giorni di Dance Machine Festival, una prima edizione che vuole farsi appuntamento fisso per i professionisti del ballo e il pubblico. Non solo perfomance, ma anche incontri, workshop e un concorso, l'International Prize con tanto di borse di studio nelle scuole di danza che contano. Il folto programma che va da venerdì 21 a domenica 23 è scaricabile al sito www.dancemachine.it.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

I soliti ignoti Commedia Italia, 1958 Scombinato quartetto di ladri di mezza tacca tenta un furto a un Monte di Pegni periferico. Il colpo va buco, ma si fanno una mangiata. Uno dei pilastri della nascente commedia italiana: la sua eccezionale riuscita nasce da una scelta azzeccata degli... Guarda la scheda del film