Concerti Milano Mercoledì 23 dicembre 2009

Tourbook: la vita on the road di Fabrizio De André

Milano - Chissà cosa avrebbe detto Fabrizio De André sapendo che il suo mito è diventato sempre più grande dal giorno in cui è morto. Vedendo che gli hanno intitolato decine di strade, vie, scuole. Che ogni manifestazione che porta il suo nome è da prima pagina.
È successo con la mostra che celebrava il decennale della scomparsa nel Palazzo Ducale di Genova (senza dubbio l'evento dell'anno nel capoluogo ligure), e con mille altre commemorazioni. Sta avvenendo anche con l'ultima iniziativa in suo ricordo. Si tratta del libro Tourbook, Fabrizio De André 1975/98, Tutte le tournée di Fabrizio De André, realizzato dalla Fondazione De André, a cura della giovane Elena Valdini con il contributo fondamentale di Pepi Morgia, regista di 15 anni di concerti di Faber.

Di Andrè si è detto tanto, quasi tutto. Uno degli aspetti ancora inediti è proprio la vita di tour. Attraverso materiali, disegni, interviste a chi ha lavorato con lui, ma soprattutto attraverso il racconto dell'amico Morgia, si apre un nuovo squarcio per capire il mondo del cantautore. E chi meglio di Pepi può spiegarci il progetto? A cominciare dalla copertina: «in effetti quello con cui De André si sta prendendo a cazzotti sono io - dice il regista - Eravamo a Chiavari, come al solito io cercavo di distrarlo un po', di sciogliere la tensione. Vicino a dove eravamo c'era una specie di palestra, così gli ho detto: andiamo a darci due cazzotti, Alla fine me ne ha dato anche qualcuno bello secco».

Pepi, prima che il suo regista, era un amico di De Andrè. «Per me, anche negli anni successivi, è sempre stato Faber - dice - quello che ho conosciuto negli anni Settanta perché mio cugino suonava con lui». Al primo famoso concerto alla Bussola, era già al suo fianco: «Lavoravo con New Trolls e Orme, ero stato in Inghilterra, così mi chiamò per seguirlo. Mi disse: "senti, puoi venire a casa mia che sto aspettanto sto Bernardini che non ci capisco un belino io"». Bernardini era il patron della Bussola, locale mitico della costa versiliana dove sono passati i big degli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta. Quello del 18 marzo 1975 è considerato il primo vero concerto di Fabrizio, che non aveva alcuna intenzione di salire su palco: «aveva terrore del pubblico - prosegue Morgia - ma invece nei salotti era un gran affabulatore».

Lavorare con lui presentava lati problematici? «Mai avuto difficoltà. Molti avevano soggezione di Faber per questa sua aria seriosa. Io, per carattere, cercavo sempre di sdrammatizzare, facevo effetto 'Valeriana', magari con una battuta in genovese. Ricordo molti viaggi in cui giocavamo a ricordarci termini in dialetto ormai obsoleti. Così lui si sentiva subito a casa e si rilassava». In realtà il tour non è mai stato un momento felice per Faber, che soffriva gli spostamenti, la tensione continua. Era invece curioso di capire come funzionava la macchina del suo spettacolo: «a volte passava la notte a seguire gli allestimenti, mi chiedeva spiegazioni. Abbiamo sempre discusso prima su cosa realizzare». Per certi versi lo show di De André è stato anche innovativo: «per un concerto cantautoriale non era certo usuale utilizzare travestiti, mimi, circensi».

Hai qualche ricordo particolare degli ultimi tempi? «A un certo punto ha iniziato a dire che non riusciva più a tenere le carte in mano. Giocava sempre a cirulla in tour. All'inizio non abbiamo dato troppo peso ai suoi mugugni perché era un vero ipocondriaco. Poi non è più riuscito neanche a tenere la chitarra in mano».

Negli ultimi tempi il suo nome è stato molto cavalcato, anche strumentalizzato. «Sì è vero. Io tengo a dire che tutte le iniziative realizzate come Fondazione De Andrè non hanno come scopo il business. Ma non è per tutti così. Noi tentiamo di coinvolgere tutti, di dare il patrocinio come garanzia di qualità, ma qualcosa ci è sfuggito».

Ti occuperai di altri eventi nel nome di Faber prossimamente? «Uno dei sogni di Fabrizio era fare uno spettacolo circense con le sue canzoni. Dieci anni fa, era appena scomparso, ci avevamo provato ma dopo due o tre date il tour si era fermato. A settembre 2010 CircoFaber riparte, con una tournée in tutta Italia»

Potrebbe interessarti anche: , Capodanno 2019 in musica con laVerdi all'Auditorium di Milano con la Nona di Beethoven , Concerti a Milano. Gainsbourg, Irama, Einaudi, Cremonini e Gabbani: i live di dicembre 2018 da non perdere , Vasco Rossi a San Siro nel 2019: date dei concerti e prezzi dei biglietti , Vasco Rossi nel 2019 in concerto a San Siro: 4 date a Milano (come minimo) , Stabilimento Estivo Base 2018: a Milano un'estate di eventi non stop, il programma

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Non ci resta che vincere Di Javier Fesser Commedia 2018 Marco Montes è allenatore in seconda della squadra di basket professionistica CB Estudiantes. Arrogante e incapace di rispettare le buone maniere viene licenziato per aver litigato con l'allenatore ufficiale durante una partita. In seguito si mette... Guarda la scheda del film