Magazine Martedì 1 giugno 2004

Io, Mariangela Melato

Magazine - “Dicono che io abbia un caratteraccio, ma spesso questo vuol dire semplicemente avere carattere”. Questo dice di sé Mariangela Melato, un’icona per chi ama il teatro e i suoi protagonisti. E non è un caso che l’attrice abbia dedicato a Ivo Chiesa la giornata - - che l’ha vista protagonista nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi.
L’occasione è stata l’uscita di Io, Mariangela Melato (edizione De Ferrari), il libro che Silvana Zanovello - critico teatrale del Secolo XIX - ha dedicato a un’attrice amatissima dal pubblico genovese, accorso numeroso. A partecipare all’incontro - organizzato dall’Associazione Maestrale, in collaborazione con il circolo culturale - sono stati il sindaco Giuseppe Pericu, l’autrice del libro, Claudio Burlando, Carlo Repetti - direttore del Teatro Stabile di Genova - e Sergio Buonadonna, che ha intervistato la Melato ed ha presentato la collana Palcoscenico, dedicata ai protagonisti del teatro italiano e da lui diretta.

Una vita segnata dal coraggio di rischiare e una passione autentica quella che l'attrice nutre per il proprio lavoro. Da commessa ad attrice, ostacolata dai genitori ma con una grande voglia di "arrivare in alto" attraverso l’impegno e lo studio. Proprio come nelle favole più belle.
Poi Mariangela diventa l’antidiva, così attenta a non rubare la scena ai colleghi - lei che potrebbe farlo con uno sguardo, con un semplice movimento - così generosa nel volersi circondare dei migliori artisti. «Non è sempre facile stare al suo passo, ma è senz’altro gratificante», aggiunge Repetti.

E ora la Zanovello le dedica un libro che è un lavoro di gruppo: «Un racconto, una trama di vita che narra di una fatica quotidiana», sottolinea Buonadonna. «Ma il libro è soprattutto un incontro fra donne», racconta l’autrice, «dapprima a distanza e in seguito, grazie allo spettacolo Madre coraggio - diretto da Marco Sciaccaluga - ho captato ciò che Mariangela prova nel profondo quando sale sul palcoscenico».
Poi la Melato, che si dice fiera di questo libro a lei dedicato, racconta della sua esperienza all’interno della compagnia del Teatro Stabile di Genova: «Un rapporto d’amore che dura dal 1993», ricorda l’attrice, «senza dubbio il più lungo della mia vita. Genova è una città che mi assomiglia: va scoperta, conosciuta nei suoi caruggi e nelle luci delle sue case. A Genova non interessa piacere, e così sono i suoi abitanti; non è facile conquistarli, ma se ci si riesce, il loro amore dura per sempre». E Mariangela Melato ha davvero conquistato il cuore dei diffidenti abitanti della Superba: «E dove vado, se non a Genova?», conclude.

Nella foto, da sinistra: Carlo Repetti, Claudio Burlando, Mariangela Melato, Silvana Zanovello, Sergio Buonadonna.

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Santiago, Italia Di Nanni Moretti Documentario 2018 Il cinema di Nanni Moretti procura sempre un trasalimento, legato alla presenza ricorrente dell'autore nella sua opera. Che il film si richiami oppure no alla sua esperienza personale, lo spettatore oscilla tra finzione del personaggio e intimità... Guarda la scheda del film