Magazine Lunedì 31 maggio 2004

Se manca il pane, mangiamo cultura

Magazine - «Mi porti il vostro piatto del giorno e come contorno… un po’ di biografia».
«Preferisce biografie illustri o storie quotidiane?».
«Illustri, grazie. Ma magari mi metta un assaggio di vita comune. Come dolce, invece, prenderò una torta di storia».
«Ci metto sopra una pallina di cultura?».
«Mah, sì, grazie, perché no. Che gusti di cultura avete?».
«Letteratura, poesia, pittura, scultura… un po’ di musica, e dovrei avere ancora un po’ di politica…».
«Mi fa un misto, allora».
«Da bere le porto un po’ di pettegolezzo d’annata?».
«Grazie, ben invecchiato e corposo, come piace a me…»

Surreale? No. È Il libro di Cucina di Alice Tocklas, una saporita raccolta di ricette, dal sapore antico, romanzate e raccontate come aneddoto fra la biografia di Gertrude Stein, la celebre e discussa scrittrice americana di cui Alice era fedele assistente, e i racconti delle cene con Picasso, Hemingway, Braque e altri ancora.

Un delizioso racconto di una mente rara, sapientemente umoristica, anticipatrice dei tempi e dei costumi, con un indiscusso buongusto e una forza fisica e morale incomparabili. In queste pagine si trova la guerra, la prima guerra mondiale, vissuta da due donne sole, intelligenti, colte, con amicizie altolocate e che nonostante tutto ciò negli anni duri della guerra si ritrovano a poter mangiare soltanto una volta alla settimana. Ma c’è anche l’arte, la vita privata di Pablo Picasso, la scrittura di Gertrude Stein, i suoi successi, i suoi rapporti coi colleghi, europei e americani. Ci sono i viaggi in Italia, in Spagna, la vita in Francia e i ricevimenti.

Ci sono tutte le cose belle del mondo, la buona cucina, l’arte, l’amicizia, la vita. Forse manca l’amore, ma non è un caso che una donna della levatura di Alice Tocklas non abbia trattato un tema che inchiodava le donne alla retorica come uno spillone per farfalle. Ecco quindi un altro tema fantastico, che si percepisce, senza essere decantato, nelle pagine di quest’opera: la libertà; di agire, di pensare, di essere, anche come donne.

Elisa Bolchi

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

La morte corre sul fiume Di Charles Laughton Drammatico U.S.A., 1955 Capolavoro segreto del cinema americano, fonte di ispirazione per Scorsese, Malick e mille altri, l’unica regia di Charles Laughton è una fiaba gotica vista dagli occhi di due bambini. Una delle più grandi interpretazioni di Robert... Guarda la scheda del film