Una valigia di libri - Magazine

Una valigia di libri

Attualità e tendenze Magazine Martedì 27 aprile 2004

Magazine - Una valigia bell’e pronta.
Una valigia senza spazzolino né pigiama.
Una valigia rossa per i ragazzi delle scuole elementari piena zeppa di libri.
È quella che grazie alla rivista Andersen e al suo editore (Gualtiero Schiaffino), all’Unione Province d’Italia e al Ministero per i Beni Culturali, tanti ragazzi troveranno sugli scuolabus comunali e che qui a Genova circolerà all’interno delle classi delle tre scuole elementari del Circolo Didattico La Maddalena (Daneo, Descalzi-Polacco, Giano Grillo).

Una settantina di libri di circa altrettante case editrici per una piccola biblioteca viaggiante, con tanto di registro che in tutta indipendenza gli scolari potranno compilare scegliendo il titolo che più li attrae. Il progetto nato tre anni fa da una discussione tra Schiaffino e il sindaco del Comune di Borzonasca, Giuseppino Maschio, sul tema delle difficoltà d’accesso alla scuola che si pone in molte frazioni italiane, è diventato con il ministro Melandri un progetto nazionale con 3000 valige distribuite in tutta Italia. “Si parlava”, racconta Maschio, “di due bambini in particolare, Andrea e Alessia, che abitavano alle pendici di Cima D’Acero e che lo scuolabus passava a prendere prima delle sette, in tempo per raccogliere anche gli altri e arrivare a scuola. Un tragitto lungo circa 20 chilometri su una strada in parte dissestata che durava circa un’ora. Con Gualtiero Schiaffino ci siamo chiesti come potevamo rendere meno pesante questo viaggio quotidiano. Così è venuta fuori l’idea dei libri e della valigia”.

Quest’anno il Ministero ha rifinanziato l'iniziativa, d’ideazione tutta genovese, e le valige che verranno messe a disposizione sono 1200. Il progetto - presentato ai bambini delle scuole elementari del Circolo la Maddalena, questa mattina, martedì 27 aprile, nella bellissima Biblioteca interna della scuola Descalzi-Polacco - ha riscosso grande successo e da una veloce intervista tra i piccoli è venuto fuori che Fabio (classe terza A della Giano Grillo) cercherà nella valigia un libro di avventure nella jungla; Alessandra, sua compagna di classe, vuole invece trovare un romanzo che racconta la storia di una bambina in un castello; Chiara e Benedetta della terza B della Descalzi-Polacco sperano di trovare storie d'avventure in fondo al mare e nel bosco con gli animali.

A corredo della valigia un libretto di istruzioni per l'uso dei libri e un passaporto che ciascun bambino potrà personalizzare e arricchire di nuovi titoli ad ogni nuova lettura. Il libretto contiene una storia a fumetti ideata e disegnata da Enrico Macchiavello, giovane illustratore genovese che collabora da tempo con la rivista Andersen ma che, confessa, normalmente non scrive per i bambini. "Le mie illustrazioni e animazioni", spiega Macchiavello, "sono rivolte più ai teenagers che ai bambini, sia per le tematiche (grottesche e tragicomiche) che per il segno. Quando disegno per i bambini devo contenermi, non posso sbizzarrire la mia fantasia, per esempio non posso fare i personaggi brutti quanto vorrei e poi soggetti e tematiche devono essere più corretti perché l'interlocutore merita il massimo rispetto". Così Enrico regala ai suoi giovani lettori alcune vignette tratteggiate lì per lì e la storia del mostro Gnurant "l'acerrimo nemico del popolo dei libri" che "vive per distruggere" il paese dei Libri! e che i bimbi riescono a sconfiggere con la forza della loro arma segreta...

Potrebbe interessarti anche: , Dal Comune di Milano 150 mila mascherine per medici, commercianti e taxisti , E-commerce farmaceutici: aumentano utenti e fatturato per Farmacia Italia , Imparare una lingua? Questione di cervello: gli effetti sulla mente e le strategie vincenti , Lievito di birra fatto in casa: la ricetta e gli ingredienti , L'orto ai tempi del Coronavirus: cosa seminare ad aprile, tra verdura e frutta

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!