Concerti Magazine Lunedì 26 aprile 2004

GEORGE MICHAEL

George Michael, Patience

George Michael è tornato con uno splendido album, una tracklist ispirata, maturata faticosamente dopo un lungo periodo scandito da peripezie personali e professionali… e un preoccupante ‘blocco creativo’.
Il cantautore britannico più ispirato, il personaggio più discusso, il raffinato interprete del primo teen-pop e - dopo il clamoroso successo dei suoi Wham! - di un trittico solistico di tutto rispetto - Faith, Listen Without Prejudice e Older - ci restituisce un bouquet di istant classic da brivido.
L’esperienza al fianco di Phil Ramone nel nostalgico album swing Songs From The Last Century, culmine di una carriera ventennale zeppa di colpi di scena e priva di fallimenti, ha ulteriormente, se mai è possibile, potenziato la capacità compositiva di Michael. Oggi più espressivo, comunicativo e intenso che mai. La lista dei titoli è una fotografia del nostro tempo.
Amazing, il primo singolo, ‘non è altro’ che la nuova Fast Love, un brano apparentemente semplice, ma raffinato, completo l’ennesima scultura perfetta.
Pop, dance, jazz, soul, house e massiccia post-produzione sono il mezzo per comunicare ma diventano parte del contenuto grazie al talento dell’autore.
Autore che nell’eterea John & Elvis Are Dead rivolge lo sguardo al cielo, in Cars & Trains e Round Here rimugina il passato, nell’ormai famosa Shoot The Dog ironizza sull’asse Bush-Blair e in My Mother Had A Brother mette a fuoco una coincidenza che ha segnato la sua vita. Brano dopo brano George Michael si mette a nudo con estrema chiarezza, senza costringerci a leggere tra le righe.
Flawless (Go To The City) e Precious Box sono energia pura, due intermezzi ‘da club , uno destinato ai dance-floor più blasonati e l’altro rivolto a chi non sa riconoscere le cose importanti.
Commovente American Angel, la ballata dedicata al fedelissimo boy-friend Kenny Moss, c’è tutto il romanticismo del divo britannico. Prima di Moss e prima della fase più turbolenta della vita di Mr. Michael c’era tuttavia un altro ragazzo, Anselmo Feleppa, scomparso prematuramente nel lontano 1993. Fu lui a ispirare la commovente Jesus To A Child ed è lui l’angelo custode del cantante, il suo interlocutore in Please Send Me Someone (Anselmo’s Song). E’ Michael che si riconcilia col passato, che comincia una nuova vita .

Che dire, un cd impedibile per un artista tornato sulla cresta che gli appartiene.

Dario, reparto musica internazionale


Artista:George Michael
Titolo: Patience
Etichetta: Sony
Prezzo Fnac: Euro 20.60
Per i Soci: Euro 18.54

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Piccoli brividi Di Rob Letterman Commedia, Avventura, Thriller U.S.A., Australia, 2015 Zach Cooper (Dylan Minnette) è un adolescente sconvolto per il trasferimento da una grande ad una piccola città. La sua vicina di casa è una bella ragazza, Hannah (Odeya Rush), che vive con un padre misterioso che si rivela essere... Guarda la scheda del film