Weekend Magazine Giovedì 1 aprile 2004

Segni del tempo

Magazine - Le due mete sono ben distanziate quindi evitate di farli un giorno solo se non volete stare tre ore in automobile: la Badia di Tiglieto (foto sopra) ha un certo fascino in tutte le stagioni ed è senz’altro la meta da favorire. Se poi volete mangiare qualcosa lungo il percorso trovate delle buone trattorie a Tiglieto per il primo itinerario e a Sciarborasca, per il secondo.

La Badia è l’edificio più antico del Parco Beigua, prima testimonianza di abbazia cistercense in Italia. Il progetto venne concluso nel 1120 ma ha subito diverse trasformazioni nel tempo. Attualmente è sottoposta a restauri che - si spera - dovrebbero concludersi quest’anno. L’area circostante rimane una delle più selvagge del Parco ed è perfetta per passare una giornata all’aria aperta senza sforzo. Dietro al complesso c’è un immenso prato circondato dalle montagne e un breve percorso ad anello che lo percorre. E’ davvero l’ideale per un pranzo primaverile al sacco con passeggiata annessa.
La chiesa è raggiungibile seguendo le indicazione per Campoligure e poi per Tiglieto, dopo essere usciti a Masone sull’autostrada Genova Alessandria.

Cinquecento anni dopo i Padri Carmelitani fondarono l’altro noto edifico religioso del Parco Beigua, dedicandolo a San Giovanni Battista. Si tratta dell’Eremo del Deserto, ristrutturato recentemente ma non visitabile. Quest’ultimo ha ben meno fascino della Badia ma è affiancato ad un vasto percorso botanico che si estende per quasi due chilometri e mezzo in una valle decisamente mite e fresca, che ha permesso la coesistenza di piante mediterranee accanto a specie montane. La passeggiata procede più o meno in piano attraversano campi e boschetti, costeggiando un torrente.
Lungo il percorso si incontrano i pannelli informativi - purtroppo in parte vandalizzati - e diverse aree adibite a picnic. A due terzi del percorso, subito dopo la strada asfaltata, guardando in basso sulla destra, troverete un selvaggio torrente che scende incastonato nella valle. La foto che vedete sotto è scattata lì, ma per arrivare in questi specchi d’acqua magici bisogna risalire una parte del Rio e arrampicarsi sulle rocce, partendo dalla strada asfaltata. Nella buona stagione si può anche fare un tuffo, ma adesso l’acqua è ghiacciata e restate davvero di rimanerci: per i bagni in collina è molto meglio la Val Gargassa. L’Eremo è raggiungibile da Varazze proseguendo poi per Passo Muratone.

Oggi al cinema

Macchine mortali Di Christian Rivers Azione 2018 Dopo una guerra che ha devastato il mondo in sessanta minuti, ridefinendone addirittura la geografia, Londra è diventata una città predatrice, in movimento su enormi cingoli e armata di arpioni, che ha lasciato l'Inghilterra in cerca di... Guarda la scheda del film