Cookin' - Magazine

Teatro Magazine Teatro della Tosse Martedì 9 gennaio 2001

Cookin'

Magazine - Ideato da: Seung Whan Song
Musica originale: Dong Jun Lee
Interpreti: Won Hae Kim, Seung Yong You, Seock Hyoun Jang, Choo Ja Seo, Chang Jik Lee
Scenografia: Dong Woo Park
Luci: Jong Wha Park
Costumi: Ms Hee Ju Kim
Suoni: Ki Young Kim
Coreografia: Ok Soon Kang, Lynne Taylor-Corbett
Regia: Chul Ki Choi
Produzione: PMC production Co. Ltd, Seung Whan Song, Kwang Ho Lee, The Broadway Asia Company

Già visto a Londra quest'estate. Ve lo racconto in anteprima.
Era la hit al Sadler's Wells per l'Islington International Festival (6° edizione) nel quartiere chic della città. Però se il teatro - appena rinnovato - offriva veramente uno spettacolo alla vista, lo show di per sé un po' ci ha deluso. Ora arriva qui a Genova, e devo dire che già il solo fatto che sia arrivato mi rallegra. A Londra infatti era anticipato da titoli e frasi che lo acclamavano a gran voce, tipo "One of the best shows you’ll ever see!".
E' divertente: è musica e movimento forse non proprio danza, comunque ha una grande energia e di sicuro tra gli spettacoli di intrattenimento leggero lo consiglierei volentieri. Qualcuno che ha visto Stomp o ne ha sentito parlare vedrà che è simile, ma, probabilmente, Stomp era più originale. Cookin' esplora lo stesso territorio di percussioni, musica, azione e coup de theâtre. Arrivando qui in città comunque una sorpresa la riserva anche a chi l'ha visto all'estero. Infatti, proprio in vista delle repliche in altri stati, il gruppo si è dotato di quattro diversi set scenografici, per l’appunto uno per continente. Ma cos'è Cookin'? Si tratta di quattro chef di una cucina orientale messi in crisi da un ambizioso pranzo nuziale che esplode in una spettacolare performance di coltelli, pentole, fuochi e vegetali costantemente accompagnati da placidi e insospettabili sorrisi da teatro No. Per di più Cooking' ha delle origini culturali piuttosto forti e interessanti. Due per la precisione sono le fonti: la tradizionale musica coreana Nong-ak e il Samulnori. La prima è vecchia di migliaia di anni e nasce tra i contadini nelle campagne per accompagnare il duro lavoro giornaliero e incoraggiare l'unità fra la gente. I ritmi di questa musica ovviamente cambiano da regione a regione. Negli anni settanta un gruppo di esperti di questa musica tradizionale coreana composero un tipo di musica sperimentale utilizzando quattro strumenti specifici sempre della tradizione musicale coreana che chiamarono Samulnori che letteralmente significa suonare con quattro strumenti. In seguito questo esperimento si è consolidato ed è diventato un'espressione artistica moderna tipicamente coreana e estremamente popolare arrivando a rimpiazzare il ruolo di Nong-ak. La varietà dei ritmi (di base sono 5 che hanno velocità diverse) di Samulnori riflette e ricostruisce il ritmo della routine coreana quotidiana. Cookin' utilizza i ritmi tradizionali di Samulnori insieme ad una performance con percussioni a passo accelerato che mette insieme gag da commedia, ritmi diversi, gestualità e una specie di trama che tiene insieme i pezzi volanti di questa cucina in trambusto. Gli strumenti tipici di Samulnori sono stati tutti rimpiazzati da utensili tipici della cucina: coltelli, taglieri, pentole, padelle. Lo slogan è "You'll never look at food the same way again" cioè il cibo non vi sembrerà più lo stesso dopo.

Iniziative collaterali:
In occasione dello spettacolo il ristorante Le Chiocciole propone quattro serate speciali di cucina coreana da mercoledì 17 a sabato 20 dalle 19.30 alle 22.30.
Il menù:
KUJOLPAN (frittelle miste)
MOU-KUK (zuppa coreana)
DOE JI PULGOGI (maiale al sesamo)
MAEJAKKWA (biscotti)
Info:
Le chiocciole tel 010 2511289
Teatro della Tosse 010 2470793

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin