Come fare sport in sicurezza - Magazine

Come fare sport in sicurezza

Attualità Magazine Martedì 26 luglio 2022

Clicca per guardare la fotogallery

Magazine - Fare sport fa bene alla salute e alla mente. Ormai ci sono decine e decine di studi a dimostrarlo ed è un dato che è dato per acquisito. In ogni caso, però, non è tutto oro quello che luccica. Nel senso che, comunque, fare sport può essere perfino dannoso se non fatto con tutti i crismi del caso.

Nulla di così difficile e preoccupante, ovviamente. Semplicemente, è necessario seguire alcune regole che possono essere molto utili. Eccone alcune.

Mai strafare, almeno inizialmente

Soprattutto all’inizio, c’è la tendenza a strafare. A mettere il nostro corpo sotto stress e, anzi, a fargli fare cose che, almeno per il momento, non può fare. Estremizzando, è come se a un pantofolaio, all’improvviso, gli si dicesse di correre per un’ora.

È impensabile e, anzi, è perfino pericoloso per la propria salute. Il corpo, infatti, deve essere abituato lentamente a certi ritmi e strafare all’inizio, perché ci si è mossi tardi nel voler mantenere la linea, non è certo indicato.

Anzi!

Acquistare gli indumenti giusti

Un conto è essere tra i tanti improvvisati che vogliono fare attività fisica giusto per e un altro è, pur non essendo un professionista, provare a farla con un certo criterio.

Qui non stiamo parlando solo di come ci si deve allenare – sempre meglio affidarsi a un professionista, qualora fosse possibile – ma bisogna partire dalle basi. Cioè, ad esempio, riuscire a prendere gli indumenti giusti.

Bisogna sottolineare che non esiste l’indumento valido per tutti gli sport. Ma esiste un pantalone che va bene per la corsa, uno per l’atletica e così via. Certo, c’è anche la tuta che, più o meno, al netto della stagione estiva o invernale che c’è, può andare bene quasi per tutti gli sport.

Però, è sempre meglio prendere degli indumenti specifici. Vuoi fare basket? Prendi le Jordan mid. Vuoi fare escursionismo? Prendi le scarpe da trekking e i bastoncini appositi. Sul web ci sono tante soluzioni al riguardo: devi solo sapere dove cercare e trovare il negozio on line giusto per te.

Non attendersi risultati immediati

Miracoli non se ne fanno. Meglio dirlo subito. E chi promette risultati immediati mente sapendo di mentire. Chiunque abbia praticato un po’ di attività fisica sa benissimo che non si possono ottenere i risultati entro poco tempo. A meno che non si faccia affidamento a sostanze proibite. Ma quello è un altro discorso.

Bisogna allenarsi entrando in questa ottica: c’è molto da fare e i risultati sono progressivi. Anzi, c’è da sottolineare un altro aspetto. Più si migliora e meno si migliora. Sembra un controsenso ma è così. Ad esempio, se in due mesi perdi 10 chili, non è detto che nei prossimi 60 giorni – pur facendo un allenamento ad hoc e personalizzato – tu possa perdere ulteriori 10 chili. Potresti perderne di meno ma non per questo l’allenamento non sta funzionando.

Semplicemente, perché entrano in gioco tante altre variabili che vanno mese in conto. Uno tra tutti il metabolismo: il corpo umano tende molto ad abituarsi alle varie circostanza e adatta la perdita di calorie anche allo stato attuale. Quindi, non ti allarmare se più migliori e più la velocità di questo miglioramento rallenta.

Tutto normale.

Meglio la regolarità che fare tanto in un giorno

Per guadagnare tempo, diverse persone commettono un errore molto comune. Volendo semplificare al massimo, piuttosto che allenarsi 1 ora al giorno si allenando per due giorni a 3 ore e mezza al dì. Pensando che, comunque, le 7 ore di allenamento vengono fatte.

È sbagliato per diversi motivi. Il primo è che si mette il corpo in uno stato di tensione molto alto e, inoltre, dopo un paio di ore di allenamento consecutive la stanchezza si fa sentire e non si ottengono più le stesse prestazioni che si facevano a inizio allenamento.

Inoltre, tenere il corpo a riposo troppo tempo fa sì che quest’ultimo non si abitui ai nuovi ritmi. Occhio, non vuol dire che deve essere allenato in maniera intensa ogni giorno. Però, così come lo sforzo fisico, anche il riposo deve essere ben ponderato. Altrimenti si rischia solo di perdere tempo prezioso. E di non ottenere i risultati che si sognava.