Le criptovalute e il futuro del sistema monetario - Magazine

Le criptovalute e il futuro del sistema monetario

Attualità Magazine Giovedì 16 giugno 2022

Clicca per guardare la fotogallery

Magazine - Uno sviluppo interessante per il futuro del sistema monetario, è propriamente dato dall’emergere e dalla diffusione delle criptovalute negli ultimi anni. Non è un caso, che Bitcoin sia apparso, come la prima criptovaluta, proprio durante la crisi finanziaria del 2008. Da allora, diversi miliardi di Bitcoin sono stati messi in circolazione, ed è abbastanza popolare nonostante le forti fluttuazioni dei tassi di cambio.

Dopo Bitcoin, altre criptovalute decentralizzate sono apparse sul mercato, ma nessuna di loro, finora, ha raggiunto la popolarità del Bitcoin. Recentemente, vi è stata una vera concorrenza nel mondo nello sviluppo del denaro digitale tra i soggetti che vogliono operare con una nuova valuta digitale più o meno centralizzata.

Un certo numero di banche centrali, come Svezia, Inghilterra e Cina, hanno studiato per anni come il corso legale potrebbe essere reso disponibile al pubblico come valuta digitale e quale sarebbe l’impatto finanziario e sociale. Il poter effettuare transazioni finanziarie al di fuori del sistema bancario, ovviamente, è un progetto che ha incontrato la forte opposizione da parte di diverse banche centrali, come pure dal mondo finanziario e politico.

La differenza fondamentale tra le valute digitali quotate è che nel caso di criptovalute decentralizzate e criptovalute centralizzate dalle aziende, vari attori privati traggono profitto dalla creazione di denaro e dal funzionamento del sistema monetario in modo piuttosto vago, e la stabilità e la sicurezza del sistema sono messe in discussione.

Il denaro digitale delle banche centrali, d’altra parte, è una nuova versione del corso legale esistente e, di conseguenza, gode di una garanzia statale ed è soggetto a una rigida regolamentazione. Inoltre, la moneta digitale della banca centrale può essere soggetta al controllo da parte del sistema finanziario statale.

L’ascesa globale di nuove criptovalute, così come l’egemonia di lunga data delle principali valute utilizzate nel commercio internazionale, evidenzia che i livelli nazionale e internazionale del sistema monetario non possono essere completamente separati e che è necessario impostare la direzione desiderata per lo sviluppo del sistema monetario a entrambi i livelli.

Come è risaputo, i Paesi con una propria valuta, se non sono indebitati in valuta estera, godono, in linea generale, di grande libertà nel plasmare la loro politica monetaria e il sistema finanziario. Ed è qui che entra in gioco l’equità del sistema finanziario digitale. A tale scopo, è possibile, seppure in forma sintetica e a puro titolo di esempio, osservare i pro e i contro dell’investimento in Bitcoin. In ogni caso, per maggiori informazioni clicca qui.

Bitcoin è, senza dubbio alcuno, ampiamente conosciuta come la prima criptovaluta al mondo, ed è diventata una delle criptovalute più popolari e preziose negli ultimi decenni. A causa della natura decentralizzata della valuta, della sua facilità d’uso e di una serie di altri motivi, Bitcoin, dunque, è diventato molto popolare tra gli investitori. Di conseguenza, questo grande interesse ha generato discussioni sulla sicurezza e sul futuro degli investimenti in questa criptovaluta nei prossimi anni.

Effettivamente creata da Satoshi Nakamoto nel 2009, Bitcoin è la criptovaluta più utilizzata al mondo. Fondamentalmente, i Bitcoin erano token o monete virtuali progettati per servire lo scopo del denaro fisico nel mondo delle criptovalute. Ogni Bitcoin può essere memorizzato in un portafoglio digitale sotto forma di file, a cui è possibile accedere da uno smartphone o da un computer.

Il trading di CFD Bitcoin, in sostanza, si riferisce alla pratica dei movimenti di prezzo di Bitcoin in entrambe le direzioni, aumentando e diminuendo senza dover acquistare l’attività sottostante. Ciò significa che non si possiede un vero Bitcoin e, questo, dato che, invece, si investe nel suo valore di mercato fluttuante. Ad esempio, concludendo, se ci si aspetta che il prezzo di Bitcoin aumenti, si provvederà a comprare, mentre se si ipotizza che il suo valore scenda, si venderà.