Viaggio in Giordania: ecco che cosa c'è da sapere - Magazine

Viaggio in Giordania: ecco che cosa c'è da sapere

Attualità Magazine Mercoledì 9 marzo 2022

Clicca per guardare la fotogallery Altre foto

Magazine - La Giordania è una meta turistica davvero particolare: forse non può vantare un patrimonio storico ricco come quello della Siria, e neppure possiede gli stessi giacimenti petroliferi dell'Iraq e dell'Arabia. Non può neppure contare sugli sbocchi sul mare che ha Israele, ma nonostante questo è un Paese che vale la pena di vedere per tutto ciò che ha da offrire, a cominciare dalla cordialità e dalla gentile ospitalità che la sua popolazione offre. Dal Mar Morto al sito archeologico di Petra, passando per il deserto del Wadi Rum, proviamo a capire perché visitare la Giordania e come farlo.

Turisanda è il tour operator a cui affidarsi se si ha in mente di regalarsi una vacanza in Giordania: la vastità della scelta e le tante possibilità di personalizzazione sono i punti di forza di questa realtà, che è attiva da quasi un secolo e che si occupa di viaggi su misura con professionalità ed esperienza.

Ci sono pericoli? Prima di tutto, però, è utile mettere in evidenza che la Giordania è un Paese sicuro, a dispetto di ciò che la sua collocazione geografica potrebbe far pensare. È vero che si trova al confine con l’Iraq e con la Siria, che sono due Paesi in Guerra, e che anche il vicino Israele è sempre in bilico a causa del terrorismo; ma, nonostante questo, la Giordania è un piccolo paradiso, che ha puntato sul turismo, anche dal punto di vista economico, per rimediare alla scarsità di risorse naturali. Ecco perché si può essere certi del fatto che, in qualità di turisti, si verrà accolti con tutti gli onori del caso. Può perfino capitare di essere fermati per strada da persone del posto che danno il benvenuto nel loro Paese.

Gli spostamenti interni

Guidare una macchina in Giordania è possibile, anche se qualche precauzione in più è necessaria ad Amman, che è la capitale. Il paese ha una estensione limitata, il che vuol dire che sono sufficienti poche ore di auto per andare da un capo all’altro; da ciò deriva la possibilità di visitare tutti i posti più importanti in una sola settimana. Fermo restando che nulla vieta di fermarsi anche per più tempo.

Il clima

Ma qual è il meteo in Giordania? Di certo le temperature sono mediamente alte, ed è questo il motivo per il quale in teoria la Giordania dovrebbe essere visitata in autunno o in primavera. Durante la stagione invernale, ad Aqaba si raggiungono senza problemi i 25 gradi: insomma, se si ha voglia di concedersi un bagno non ci sono ostacoli che lo impediscano. Il vero problema è rappresentato dalla stagione estiva, che è pressoché torrida, con la colonnina di mercurio del termometro che spesso raggiunge e supera i 40 gradi. Insomma, visitare Petra in estate può non essere una passeggiata di salute; molto meglio farlo a novembre, perché tanto si può andare in giro in maglietta e pantaloni corti.

Come vestirsi

Attenzione, però, perché il caro vecchio consiglio della mamma di vestirsi a strati a Petra è più valido che mai. Di notte, per esempio, nel deserto la temperatura si abbassa in maniera quasi incredibile. Nessuno vuole patire il freddo in Giordania, no? Lo sbalzo termico fra giorno e notte è davvero notevole: quindi chi ha in mente di regalarsi una notte sotto il cielo stellato nel deserto deve tenere conto di questo aspetto. In valigia conviene mettere un paio di scarpe da ginnastica per camminare comodi e non ritrovare con i piedi distrutti a sera. Specialmente a Petra non solo si cammina, ma c’è anche da arrampicarsi.

Petra

A proposito di Petra, è utile sapere che si tratta di un luogo meno sicuro di quel che si potrebbe immaginare. No, non per una questione di criminalità, ma solo perché è un luogo di montagna e, in quanto tale, abbastanza pericoloso. I sentieri su cui ci si ritrova a camminare sono sterrati e quindi scivolosi; per di più sono impervi e privi di balaustre, il che è un problema perché si affacciano su pareti a strapiombo. Insomma, è meglio essere cauti e procedere nel modo più prudente possibile.

Fotogallery