4 errori comuni che si fanno quando si cerca di perdere peso - Magazine

4 errori comuni che si fanno quando si cerca di perdere peso

Attualità Magazine Martedì 21 dicembre 2021

Clicca per guardare la fotogallery Altre foto

Magazine - Quando si tratta di buoni propositi per l’anno nuovo, un particolare accomuna indubbiamente milioni di persone in tutto il mondo: buttare giù i chili di troppo. Che sia per motivi estetici o di salute, il cenone di Capodanno segna per molti l’ultimo sprazzo di libertà alimentare. Ma in quanti si trovano già al loro -esimo tentativo e trascorsi un paio di mesi dallo scoccare della mezzanotte del 31, iniziano già a rimandare all’anno seguente?

Spesso dimentichiamo che perdere peso non è una corsa affannata verso un obiettivo, ma un vero e proprio cambiamento del proprio stile di vita. Entrare nel malsano meccanismo secondo il quale, raggiunto l’obiettivo, si potrà tornare ad ingozzarsi di cibi processati e zuccheri, ci farà vivere la dieta come una prigione. E qual è il sogno di ogni persona costretta in un carcere? Uscirne al più presto.

Vediamo quindi quali sono gli errori più comuni che vengono fatti quando si tenta di condurre una dieta bilanciata, nel tentativo di liberarsi dei chili in eccesso e come ovviarvi per poter vedere dei veri risultati, sia a livello fisico che psicologico.

  • Diete d’urto ed effetto yo-yo

Gli obiettivi irrealizzabili non son chiamati così a caso. Ti aspetteresti mai di scalare l’Everest in infradito? No! Ed allora, perché pretendere di “perdere 7 chili in 7 giorni” o “tornare al peso forma in sole 2 settimane”? Sono infatti questi i primi risulti che spuntano sui motori di ricerca quando si digita la parola chiave “dimagrire”.

Nella maggior parte dei casi, le diete che vengono consigliate – spesso da non esperti del settore – prevedono introiti calorici molto al di sotto del fabbisogno giornaliero necessario. Se è vero che l’unico modo per perdere peso è quello di rispettare un regime ipocalorico, l’apporto giornaliero non dovrebbe mai scendere al di sotto delle 1200 calorie/die (da doversi comunque parametrare sulla fisicità individuale). Per questo motivo, non adottare mai regimi eccessivamente privativi che ti porteranno solo ad arrenderti e nel peggiore dei casi, comprometteranno il buon funzionamento del tuo metabolismo. Piattaforme affidabili come Yukendu.it, gestite da esperti del settore, forniscono invece solo consigli di buona salute attendibili, a cui ti potrai affidare per raggiungere obiettivi realistici e durevoli.

  • Allenarsi in maniera eccessiva

Se non è realistico portare avanti una dieta eccessivamente restrittiva per lunghi periodi, lo stesso vale anche per gli allenamenti troppo frequenti e troppo intensi. Lo sport è una componente fondamentale del percorso verso la perdita di peso, che andrebbe mantenuta nel tempo. Se non rispetta le nostre potenzialità e la nostra fisicità, il corpo non sarà in grado di assicurarci l’energia necessaria per mantenere la continuità.

Anche a livello psicologico, vivere lo sport, qualunque esso sia, come una sorta di tortura, non ci spingerà a mantenere l’abitudine nel tempo e a renderlo parte della nostra routine. Per questo, scegli un’attività che ti piaccia davvero. Se sei un’amante dell’acqua, prova il nuoto. Se vorresti impallare a ballare, iscriviti a delle lezioni di danza. Non importa il cosa si faccia, quanto il fatto che lo si faccia bene.

  • Il giorno di “sgarro

Domenica giorno libero: una frase a cui diamo decisamente un’interpretazione troppo ampia. Molte diete usano questo escamotage per tenere alta la motivazione. E non è una strategia del tutto sbagliata. Ma “giorno libero” non andrebbe letto come “mangia qualsiasi cosa vuoi fino a scoppiare”. Un bel piatto di pasta ed un contorno ben condito oppure una pizza ed il dessert di cui siamo più golosi: indulgere a questi piccoli piaceri non sarà di certo proibito, ma senza esagerare.

La conseguenza potrebbe essere altrimenti quella di vanificare gli sforzi dei 6 giorni precedenti. Un chilo di grasso corrisponde infatti a 7500 calorie. Ciò significa che è questo il deficit calorico a cui ci dovremo attenere per perdere un chilo. Se raggiungiamo l’obiettivo nel corso della settimana, ma finiamo col riassumere tutte le calorie in un solo giorno, di certo non potremo ambire a raggiungere i risultati desiderati.

  • L’ossessione malsana della bilancia

Seppur sia il risultato che dà la maggiore soddisfazione – e soprattutto, la motivazione giusta per continuare –, vedere il numero scendere sulla bilancia non è l’unico segnale di successo. Ed infatti, se hai da poco iniziato a fare sport in concomitanza con la dieta, è possibile che il tuo corpo abbia iniziato a sviluppare muscoli. La massa muscolare ha, notoriamente, un peso maggiore di quella grassa. Ma al contrario della prima, è segnale di buona salute ed ha anche un aspetto più tonico. Di conseguenza, farà apparire la tua figura più snella.

Forte dei nostri consigli, non perderti d’animo! Mantieni i tuoi buoni propositi per il nuovo anno e portali a termine, mettendo in atto queste poche accortezze che renderanno il percorso più semplice.

Fotogallery