Magazine Lunedì 23 febbraio 2004

Scrittori in viaggio verso la Liguria

Magazine - Lo scrittore bosniaco Predrag Matvejevic terrà a battesimo Provincia d’autore: dieci scrittori sulla rotta di Genova. Su invito dell’assessorato provinciale alla cultura parteciperà, giovedì 26 febbraio alle ore 17.00, all’incontro-intervista condotto dal giornalista culturale Sergio Buonadonna nella Sala degli Arazzi del Consiglio provinciale. Porteranno il loro saluto il Presidente della Provincia, Alessandro Repetto, e l’assessore provinciale alla cultura, Anna Maria Panarello.

“Provincia d’autore” è l’iniziativa che lo stesso Buonadonna ha proposto per celebrare l’anno della Capitale Europea della Cultura con dieci scrittori famosi in un’ideale rotta di ritorno verso Genova. Con Matvejevic saranno a Genova il celebre romanziere somalo Nuruddin Farah (25 marzo), Laura Pariani (aprile), Paco Ignacio Taibo II (maggio), Luis Sepúlveda (giugno), Isabel Allende (luglio), Almudena Grandes (settembre), Abraham Yehoshua (ottobre), l’islandese Hallgrímur Helgason (novembre) per concludere, a dicembre, con una prestigiosa presenza italiana.

Isabel Allende deve ancora confermare, mentre rimane per ora incerta la data di Yehoshua, che tuttavia in autunno sarà in Italia per presentare il suo nuovo romanzo. La grande letteratura mondiale, dunque, si dà appuntamento a Genova, restituendoci così l’emozione della storia. Di particolare significato il , firmato da Luis Sepúlveda.
«Dire Genova – ha scritto l’autore de La gabbianella… - significa dire viaggio, mari, destini sconosciuti, avventura, ritorno ad un tempo in cui il valore degli uomini si misura con l’importanza dei sogni. Questa è la rotta di Genova...».

Predrag Matvejevic è nato a Mostar (Bosnia-Erzegovina) nel 1932 da madre croata e padre russo. È stato docente di Letteratura francese all’Università di Zagabria e di Letterature comparate alla Sorbona di Parigi. Emigrato all’inizio della guerra nell’ex-Jugoslavia, scegliendo una posizione tra “asilo” ed “esilio”, ha vissuto dal 1991 al ’94 in Francia, si è poi trasferito a Roma, dove è professore ordinario di Slavistica all’Università La Sapienza.

Tra i suoi titoli più noti, Epistolario dell’altra Europa (Garzanti, 1992), in difesa dei diritti dell’uomo e degli intellettuali dissidenti dell’Est. Per queste "lettere aperte" scritte in nome di "un socialismo dal volto umano", fu dichiarato "dissidente" dal potere jugoslavo.
Breviario mediterraneo (Garzanti, 1988), romanzo sui luoghi – tradotto in venti lingue – ricostruisce in modo narrativo la storia dei Paesi del mare nostrum. Sarajevo (Federico Motta, 1995), Ex Jugoslavia, diario di una guerra con il prologo di Czeslav Milosz e l’epilogo di Josif Brodskij (Magma, 1995), Golfo di Venezia (Consorzio Venezia Nuova, 1996), Mondo Ex, Confessioni (Garzanti, 1996), Tra asilo ed esilio (Meltemi, 1998), Il Mediterraneo e l’Europa, lezioni al College de France (Garzanti, 1998), I signori della guerra (Garzanti, 1999), Isolario mediterraneo (Federico Motta, 2000), fascinoso volume fotografico realizzato con Mimmo Iodice.

In Italia Matvejevic ha ricevuto i premi Malaparte, Silone, Boccaccio, Obiettivo Europa, Marinità, Fregene, Ferronia. Numerosi i riconoscimenti internazionali, tra cui il “Premio Europeo” (Ginevra, 1992), il “Prix du meilleur livre étrangere” (Parigi, 1993) e la Lègion d’honneur, tributatagli dal Governo francese. Il Governo italiano gli ha concesso la cittadinanza per meriti culturali.
Matvejevic è presidente del Comitato Internazionale della Fondazione Laboratorio Mediterraneo, vicepresidente dell’Associazione mondiale degli scrittori P.E.N. Club e membro fondatore dell’Associazione Sarajevo a Parigi e a Roma. Editorialista del Secolo XIX, attualmente Matvejevic è consulente culturale per il Mediterraneo del presidente della Commissione Europea, Romano Prodi.

di Laura Calevo

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Il grande Lebowski Di Joel Coen, Ethan Coen Commedia Usa, 1998 Un ex hippy, viene assunto da un miliardario per consegnare nel luogo prescelto il riscatto per il rapimento della moglie. Ma dopo qualche incontro piccante con la figlia del suo datore di lavoro ed una partita di bowling, scoprirà che non c'é... Guarda la scheda del film