Nirvana: il neonato che era sulla copertina di Nevermind chiede 150.000 dollari di risarcimento - Magazine

Nirvana: il neonato che era sulla copertina di Nevermind chiede 150.000 dollari di risarcimento

Attualità Magazine Mercoledì 25 agosto 2021

di Silvia Frattini
© Jurian Kersten - unsplash.com

Magazine - A distanza di 30 anni dall'uscita dello storico album Nevermind dei Nirvana, Spencer Elden, il celebre neonato ritratto sulla copertina dell'album, chiede un risarcimento di 150mila dollari per la fotografia che lo consegnò alla storia contemporanea.
Per i fan della band di Seattle, questa è una notizia a dir poco inaspettata, soprattutto perché lo stesso Elden in passato ha espresso la sua ammirazione verso la band e riconosciuto con piacere di essere diventato, grazie ai Nirvana, un'icona immortale degli anni '90. Se si pensa che addirittura nel 2016, per il venticinquesimo compleanno di Nevermind, lo stesso Elden ripeté lo scatto nella stessa piscina di Pasadora in California, la richiesta (e in un certo senso anche l'accusa) che viene mossa oggi è tutto ciò che non ci si sarebbe mai aspettato.

A trent'anni suonati, l'ex neonato di Nevermind, non ha solamente una motivazione per richiedere questo ingente risarcimento, bensì ne ha due: la prima riguarderebbe i diritti della foto, in quanto né lui, né i suoi tutori legali avevano espresso il loro consenso all'utilizzo della foto integrale, quindi con le parti intime non censurate. Infatti, la band, aveva assicurato che sarebbero state coperte con un adesivo, cosa che realmente fu fatta (ad esempio in Italia), ma non in tutto il mondo. 
Non essendo questa foto censurata, Elden fa presente che si è davanti a un caso eclatante di pedpornografia, e questo è il secondo motivo per cui richiede il risarcimento.

Chiamati in causa sono il fotografo Kirk Weddle, autore della copertina nonchè grande amico della famiglia Elden, e la Geffen Records, la casa discografica che il 24 settembre 1991 distribuì le stampe del capolavoro dei Nirvana in tutti i negozi di dischi del globo.
L'accusa è di danni permanenti, che comporterebbero grosse spese mediche, difficoltà nello sviluppo educativo e danni psicologici importanti.

Mentelocale.it indica in modo indipendente alcuni link di prodotti e servizi che si possono acquistare online. In questo testo potrebbero comparire link a siti con cui mentelocale.it ha un’affiliazione, che consente all'azienda di ricavare una piccola percentuale dalle vendite, senza variazione dei prezzi per l'utente.