Green Pass obbligatorio per i docenti e personale scolastico. Da settembre anche per viaggi a lunga percorrenza - Magazine

Green Pass obbligatorio per i docenti e personale scolastico. Da settembre anche per viaggi a lunga percorrenza

Attualità Magazine Venerdì 6 agosto 2021

di Silvia Frattini
© unsplash.com

Magazine - Da venerdì 6 agosto 2021 entra in vigore l'obbligo del Green Pass per ristoranti al chiuso, piscine, impianti sportivi, musei, cinema, teatri e spettacoli (anche all'aperto) per tutti i maggiori di 12 anni. Qui un elenco di luoghi dove il Green Pass non serve.

Ma il cerchio si stringe ulteriormente: dal primo settembre il Green Pass sarà obbligatorio per docenti, personale scolastico e universitario, pena la sospensione del rapporto di lavoro. Sarà inoltre necessario avere il Green Pass per i viaggi a lunga percorrenza. 

Nella giornata giovedì 5 agosto 2021 è stato infatti approvato un nuovo decreto su proposta del presidente del Consiglio Mario Draghi e dei ministri Patrizio Bianchi (istruzione), Maria Cristina Messa (università e ricerca), Enrico Giovannini (infrastrutture e mobilità sostenibili) e Roberto Speranza (salute), che introduce ulteriori misure di sicurezza in vista della ripresa dell'anno scolastico.

L’attività scolastica prevista per il 2021/2022 si svolgerà in presenza per tutti i gradi di istruzione, università compresa. Rimane obbligatorio rispettare le misure di sicurezza minime come l'utilizzo della mascherina, eccezion fatta per i bambini di età inferiore ai 6 anni, per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, per i soggetti impegnati nelle attività sportive (se le attività sportive svolte in gruppo vedono la partecipazione di soggetti vaccinati, allora vi è la possibilità che questa regola venga derogata). Inoltre se un soggetto misura una temperatura superiore ai 37,5° o registra una sintomatologia respiratoria, allora non può accedere alla struttura scolastica.

Tutti gli studenti universitari e il personale scolastico potranno essere sottoposti a dei controlli a campione e dovranno essere in possesso della certificazione verde (Green Pass). Nel caso in cui questa regola non venisse rispettata, il giorno di lavoro verrà considerato nullo e al quinto giorno di assenza ingiustificata il rapporto di lavoro sarà da considerarsi sospeso. Tuttavia il personale scolastico e universitario verrà maggiormente tutelato a livello legale. Per quel che riguarda l’Università, si potranno derogare le misure soltanto per attività che prevedono la partecipazione di soggetti interamente vaccinati.

Discusse anche le normative in merito ai trasporti che entreranno in vigore dal primo settembre 2021. Verranno introdotte nuove norme per l’utilizzo dei mezzi di trasporto, facendo una distinzione tra trasporti di medio-lunga percorrenza e trasporto pubblico a breve percorrenza (a eccezione degli aerei per i quali non vi sarà alcuna differenziazione). Grazie a questa suddivisione sarà consentito l’accesso e l’utilizzo dei seguenti mezzi di trasporto solo ed esclusivamente ai soggetti muniti di certificazione verde (Green Pass):

  • aeromobili adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone;
  • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale, ad esclusione di quelli impiegati per i collegamenti marittimi nello Stretto di Messina;
  • treni (Inter City, Inter City Notte e Alta Velocità);
  • autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti;
  • autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, ad esclusione di quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale.

Altri trasporti non nominati nella lista appena riportata potranno essere utilizzati tranquillamente senza Green Pass, ma nel pieno rispetto delle misure anti contagio.

Per quel che riguarda gli eventi sportivi: le attività all’aperto prevederà una modalità di assegnazione di posti che sostituirà il distanziamento interpersonale di un metro; gli eventi al chiuso subiranno, invece, un cambiamento in positivo, grazie all’innalzamento della capienza dei locali previsto al 35%.