Weekend Magazine Venerdì 5 gennaio 2001

Seconda giornata: sentiero del Ciabot

Ora vi presento il secondo itinerario. Parte sempre dall'agriturismo Raflazz come la gita della prima giornata: Leggi l'articolo .
Partendo dalla cascina Raflazz, sul tracciato si incontra un primo fabbricato di modeste dimensioni adibito a ricovero occasionale del bestiame. Poi si attraversa la proprietà di un rustico di dimensioni maggiori adibita ad uso abitativo e ad uso agricolo. I resti di un forno a legna testimoniano la necessità dei contadini che abitavano qui di avere una propria autonomia, dato che vivevano lontano dai centri abitati.
Proseguendo l’itinerario si incontrano strutture a servizio di proprietà agricole realizzate con materiali reperiti in loco (pietre per i muri, legnami per orditura dei tetti, lose per copertura degli stessi.
L’itinerario si conclude con la visita ad un paesino composto da una casa padronale e da abitazioni più piccole, tutte affacciate su un ampio cortile. Nelle immediate vicinanze si può osservare la cava dove si estraevano le pietre per la realizzazione dei muri e delle coperture.
Ritornati alla Cascina Raflazz da dove siamo partiti, si può osservare come un attento recupero edilizio possa coniugare il rispetto delle vecchie tipologie costruttive e le più comode e moderne tecnologie edilizie. Anche qui c'è un forno a legna, però -non perdetevelo- è in funzione! Ci si cuoce il pane: lì potete vedere come vengano rispettate e mantenute certe tradizioni.
Lunghezza della gita: 15 Km
Tempo di percorrenza: circa 5h (con soste per visita )
Dislivelli: 400 mt
Percorso: terra battuta 53% - erba 15% - ciottoli 30% - asfalto 2%

Oggi al cinema

Nessuno come noi Di Volfango De Biasi Commedia Italia, 2018 Betty è un’insegnante di liceo bella, anticonformista e single per scelta. Umberto è un noto docente universitario, affascinante, strafottente alle prese con un matrimonio noioso e privo di passione. I due si incontrano per la prima volta quando Umberto... Guarda la scheda del film