Il Giorno della Memoria - Magazine

Il Giorno della Memoria

Attualità e tendenze Magazine Mercoledì 21 gennaio 2004

Magazine - In occasione della Giornata della Memoria (27 gennaio) a Genova e nella provincia sono state organizzate una serie di iniziative tra spettacoli teatrali, convegni, letture, presentazioni di libri e altro.
Le abbiamo racchiuse per proporvele in un'agenda dedicata insieme agli articoli della Legge n° 211 del 20 luglio 2000 che ha fissato questa data commemorativa.

REPUBBLICA ITALIANA
Art. 1
La Repubblica Italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
Art. 2
In occasione del “Giorno della Memoria” di cui all’art.1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere.


lunedì 26 gennaio - ore 9
Sestri Levante. Convento dell’Annunziata.
“E’ successo!”. Incontri con le scuole e la città, ricerche e memorie sulla Shoah.
ore 16.30 Tavola rotonda con : Andrea Lavarello (Sindaco di Sestri Levante), Alessandro Repetto (Presidente della Provincia di Genova), Piero Dello Strologo (Presidente della Comunità Ebraica genovese), Giorgio Getto Viarengo (ANPI Tigullio).

ore 10.30
Santa Margherita Ligure - Auditorium Scuola Media Statale V.G. Rossi - Via Roccatagliata, 1
“Il razzismo spiegato a Lucia”. Conferenza spettacolo dal testo originale di Tahar Ben Jelloun a cura del Teatro dell’Archivolto. Regia di Giorgio Scaramuzzino.

martedì 27 gennaio - ore 17
Palazzo Doria-Spinola - Salone del Consiglio Provinciale di Genova
CERIMONIA UFFICIALE.
Consegna riconoscimenti ad Istituti scolastici di ogni ordine e grado che hanno prodotto degli elaborati sulla Shoah.

ore 18.30
Libreria Feltrinelli - Genova
Incontro dedicato al Giorno della Memoria a cura de “Il Diario della settimana”.

giovedì 29 gennaio - ore 17.30
Circolo Ufficiali - Genova - Via S. Vincenzo, 68
“Il rapporto con i cittadini di religione ebraica nelle zone controllate dalle Truppe Italiane all’estero nel periodo dal 1940 al 1943”. Relatore: Brig. Gen. Edmondo Fresia. A seguire concerto di musiche di G. Mahler, E. Bloch, L. Bernstein e A. Dvorak, pianista: Sirio Restani, mezzosoprano: Elisabetta Valerio.

Potrebbe interessarti anche: , Coronavirus, Conte: «proroga delle misure restrittive fino al 13 aprile» , Coronavirus, sì alla passeggiata con i bambini. Chiarimenti sulle uscite , Coronavirus: Inps, come avere il bonus da 600 euro per gli autonomi. Le istruzioni , I contagi si azzereranno forse a metà maggio, tra riaperture e previsioni. Cosa succederà dopo? , Amarone della Valpolicella è l'etichetta di vino più apprezzata della Cina

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!