Concerti Magazine Martedì 28 ottobre 2003

Musica e videoarte

Magazine - Un "evento nell'evento" coinvolgerà il Museo di Arte Contemporanea di Villa Croce: sabato 17 gennaio, dalle 18.30 alle 20.30, l'appuntamento è con | mu | mù musica nei musei.
Il primo appuntamento con | mu | mù, il 21 giugno scorso, ha visto protagonista, presso il museo di Sant’Agostino, Alioscia dei Casino Royale. Sabato sarà Villa Croce, che in queste settimane sta proponendo la riuscitissima mostra "Il viaggio dell’uomo immobile", ad ospitare la musica di Gone, un progetto parallelo dei La Crus. La band si esibirà in un electronic live set dal titolo Hitchcock road live perf.
Il live set sarà preceduto dal lounge di Mr. Toulouse e chiuso dall’electro break Yorgaki, due emergenti dj genovesi.
Non mancherà La Fantomatica, con il suo visual set, e l'aperitivo di milkclub-il balcone.
Solo per questo evento sarà possibile visitare la mostra gratuitamente.

Bill Viola, Laurie Anderson, Nam June Paik, tanto per gradire. E poi Studio Azzurro, Chantal Michel, Yuan Shun e altri dodici, bravissimi e anche famosi.
Non sarà da scuola di giornalismo ma vale la pena di cominciare così, per descrivere la mostra Il viaggio dell’uomo immobile. Diciotto stanze d'artista per un percorso nell'immaginario, a Villa Croce fino all'8 febbraio 2004. Il chilometrico e poco felice titolo rischia infatti di non rendere giustizia allo sforzo dei curatori, che hanno obbiettivamente organizzato una mostra-evento con la crème della crème della videoarte mondiale.
A Genova, se non era ben chiaro a tutti.

«L’idea di fondo», spiega Sandra Solimano, padrona di casa e coordinatrice di un comitato scientifico poco genovese e molto internazionale, «era cogliere lo sviluppo dell’uso della tecnologia in generazioni di artisti molto diverse fra loro».
«Non è una mostra storica sulla videoarte», si affretta a puntualizzare, «piuttosto un percorso nell’immaginario di diciotto artisti, una sorta di Matrix. L’estensione potenzialmente infinita delle possibilità comunicative della tecnologia, assieme alla sua estrema indeterminatezza, può inquietare perché è un nuovo che sappiamo di non poter maneggiare. Qui interviene la sensibilità degli artisti, che sono la coscienza di tutti noi, proponendo diciotto interferenze fra lo spazio fisico e la dimensione dell’immaginario e del virtuale».
Un percorso iniziatico, insomma, all’interno del mondo interiore di diciotto artisti provenienti da mezzo pianeta. Eccolo qui il "viaggio dell'uomo immobile".

Fra l’altro l'iniziativa si apre in concomitanza con il (e si chiuderà con Genova Capitale Europea della Cultura): un evento non a caso, visto che il mezzo con cui si concretizza questo “viaggio immobile” è proprio la tecnologia.
La massiccia presenza degli stessi artisti, quasi tutti presenti all’inaugurazione, sta a dimostrare come la mostra sia effettivamente sentita come un piccolo-grande evento. Almeno quattro opere sono state realizzate e/o modificate proprio per Villa Croce.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Ant-Man and the wasp Di Peyton Reed Azione U.S.A., Regno Unito, 2018 Scott Lang deve affrontare le conseguenze delle proprie scelte sia come supereroe sia come padre. Mentre è impegnato a gestire la sua vita familiare e le sue responsabilità come Ant-Man, si vede assegnare una nuova e urgente missione da... Guarda la scheda del film