Concerti Magazine Martedì 23 dicembre 2003

Natale, che fare?

Natale è vicino e la città si prepara a una festa che vede protagonisti da una parte la tradizionale messa di mezza notte e dall’altra la fetta di panettone: il divertimento e la voglia di spiritualità. Ma cosa propone Genova durante queste festività, quando manca poco alla sua elezione a città della Cultura Europea?
Dopo il cenone del 24 e il super-pranzo del 25 non c’è niente di meglio di una serata in discoteca per smaltire datteri e torroni. La sera del 25 dicembre al Barfly di via Chiabrera vi attende, dalle 22.00, il Together Party, con Dj Spillus e Capasoul, mentre il Senhor do Bonfim di Nervi (passeggiata A. Garibaldi) propone, alle 23.00, la Souldisco Night.
Musica dal vivo al Cezanne con gli Escariotas, a partire dalla 22.00.
Per chi invece vuole vivere il vero spirito del Natale ecco l’esposizione della statue del Maragliano presso l’Oratorio di Santa Chiara, ad Arenzano, aperto dal 25 dicembre fino all’Epifania dalle 16.00 alle 19.00. A Rossiglione, nell’Oratorio di N.S.Assunta (010 925398), c’è un presepe realizzato con pietre raccolte nel fiume e nei ruscelli della Valle Stura, che si potrà visitare a partire dalla notte del 24 fino all’ultima domenica di gennaio.

Sempre a Rossiglione, da non perdere il presepe fatto con statuine di fine Ottocento in terracotta e in legno, con vestiti originali (per visitarlo chiamate il numero 010 92 5453).
Presso la Chiesa di San Sisto di Prè, alle 11.00, il Concerto natalizio Musica e canti intorno al presepe genovese, ad ingresso libero. Per un Natale originale non perdetevi Tè in biblioteca, il corso di scacchi tenuto da Giancarlo Santoro: alle 16.00 nella Biblioteca Berio; l’ingresso è gratuito. Sempre alla Berio, alle 17.00, si può visitare Mostra quadri artisti liguri contemporanei: raccolta Fondi Unicef. La mostra è visitabile fino al 30 dicembre.
Al Museo Luxoro i presepi la fanno ancora da padroni, con la mostra Il presepe genovese: una galleria di ritratti. Il museo, insieme alla Galleria di Palazzo Rosso e al Museo di Storia Naturale G. Doria, resterà aperto anche venerdì 26 dicembre, dalle 10.00 alle 19.00: l’ingresso è gratuito. Apertura straordinaria anche per il Museo di Arte Contemporanea di Villa Croce, dalle 10.00 alle 18.00: anche in questo caso l’ingresso sarà libero.

Venerdì 26 alle 15.00 sarà possibile assistere al tradizionale Convegno di canto dialettale, presso il s.o.m.s. La Fratellanza, in via Isocorte 13 (Pontedecimo).
E alle 21.00, presso il Santuario Nostra Signora del Suffragio, il Concerto di Santo Stefano: musica e canti intorno al presepe genovese. Un 26 dicembre divertente anche per i bambini che, scartati gli ultimi regali, potranno partecipare ad una lettura animata (alle 11.00) presso la Biblioteca De Amicis, oppure ai laboratori tra le 15.00 e le 16.30 (chiamate lo 010 252237).
Amate il teatro? Venerdì alle 21.00 Il piccolo principe di Italo Dall’Orto animerà la serata del Teatro della Tosse, mentre al Teatro Garage di via Paggi (ore 15.00 e 17.00) sarà in scena La gallina che ballava il tip-tap, uno spettacolo teatrale per bambini a cura della Compagnia del Banco Volante; l’ingresso è di 5 euro.
Un mix di musica e poesia con i Sulutamana, gruppo lombardo che il 26 suonerà al Museo Muvita di Arenzano alle 21.00. Per chi preferisce una giornata di Santo Stefano all’insegna della cultura le visite guidate agli appartamenti del principe di Villa Durazzo sono l’ideale: si parte alle 15.00 e si termina la giornata con un brindisi presso la Coffee House immersa nell’incantevole cornice invernale del parco. Il costo del biglietto è di 7 euro.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

S Is for Stanley Di Alex Infascelli Documentario Italia, 2016 S Is for Stanley: Stanley è Stanley Kubrick, il regista entrato nella storia del cinema con film come 2001: Odissea nello spazio e Barry Lyndon.  Il documentario di Alex Infascelli, però, non pone l'attenzione... Guarda la scheda del film