Quando aprono impianti sciistici e piste da sci? La data nella bozza del nuovo Dpcm - Magazine

Quando aprono impianti sciistici e piste da sci? La data nella bozza del nuovo Dpcm

Fitness Magazine Giovedì 3 dicembre 2020

© Flickr.com / Jonas Bengtsson

Magazine - Un inverno senza weekend o vacanze in montagna per molti potrebbe essere un incubo, ma con il Covid-19 di mezzo in questi mesi a cavallo tra il 2020 e il 2021 non c'è da scherzare. Gli appassionati di neve e sci da tempo si stanno domandando se e quando riapriranno gli impianti sciistici: ebbene, ecco una prima risposta.

Stando alla bozza del nuovo Dpcm che contiene le regole anti Covid-19 valide dal 4 dicembre 2020 al 15 gennaio 2021, «a partire dal 7 gennaio 2021 gli impianti sono aperti agli sciatori amatoriali solo subordinatamente all'adozione di apposite linee guida da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e validate dal Comitato tecnico-scientifico, rivolte a evitare aggregazioni di persone e, in genere, assembramenti». Se questa bozza verrà ufficializzata - la firma del premier Giuseppe Conte è prevista nella serata del 3 dicembre 2020 - si potrà tornare a sciare nel 2021, a partire dal 7 gennaio e una volta lasciate alle spalle le festività.

Non ci sarebbe dunque alcuna possibilità di andare a sciare tra Natale e Capodanno. Anzi, in tema di spostamenti la bozza del Dpcm prevede che «dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021» sia «vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome» e inoltre che nelle date del «25 e 26 dicembre 2020 e primo gennaio 2021» sia vietato «ogni spostamento tra comuni, salvo che per comprovate esigenze di lavoro, necessità o salute».

Niente apertura degli impianti sciistici, dunque, fino al 7 gennaio 2021, neppure per chi è residente in località di montagna. Fino al 6 gennaio 2021 restano «chiusi gli impianti nei comprensori sciistici», che possono però «essere utilizzati solo da parte di atleti professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (Coni), dal Comitato Italiano Paralimpico (Cip) e/o dalle rispettive federazioni per permettere la preparazione finalizzata allo svolgimento di competizioni sportive nazionali e internazionali o lo svolgimento di tali competizioni».