Halloween 2020: dove trovare le zucche da intagliare. La leggenda di Jack O'Lantern - Magazine

Halloween 2020: dove trovare le zucche da intagliare. La leggenda di Jack O'Lantern

Bambini Magazine Mercoledì 30 settembre 2020

© Il Campo dei Fiori
Altre foto

Magazine - Tutti conoscono la tradizione delle zucche intagliate di Halloween, ma forse non tutti conoscono la storia da cui è nata questa usanza: la leggenda di Jack O’ Lantern. Ve la raccontiamo noi di mentelocale.it.

Jack era un furbo fabbro irlandese, tirchio e dedito all’alcol. Una sera Jack incontrò il Diavolo al pub. Dato che aveva bevuto molto, il Diavolo stava riuscendo ad impadronirsi della sua anima, ma l’astuto fabbro ebbe l’idea di chiedergli di trasformarsi in una moneta, promettendogli la sua anima in cambio di un'ultima bevuta. Il Diavolo accettò la proposta, ma Jack infilò rapidamente il Diavolo, trasformato in moneta, nel suo borsello, accanto a una croce d'argento: in questo modo egli non avrebbe potuto ritrasformarsi. Per farsi liberare il Diavolo gli promise che non si sarebbe preso la sua anima nei successivi dieci anni e così Jack lo lasciò andare. 

Dieci anni più tardi, il Diavolo si presentò nuovamente e questa volta Jack gli chiese di salire su un albero per raccogliere una mela e poi avrebbe potuto prendersi la sua anima. Non appena il Diavolo fu salito sull’albero, Jack incise una croce sul tronco e così gli impedì di ridiscendere. Seguì una lunga lite e alla fine i due giunsero ad un compromesso: in cambio della libertà, il Diavolo avrebbe dovuto rinunciare per sempre all’anima di Jack. Libero da ogni freno, il fabbro commise così tanti peccati nella propria vita che, quando morì, fu ovviamente rifiutato dal Paradiso e, presentatosi all'Inferno, venne scacciato anche dal Diavolo, che gli ricordò il loro patto, ben felice finalmente di vendicarsi e di lasciarlo vagare per sempre come anima tormentata

Quando Jack disse che era freddo e buio, il Diavolo gli tirò un tizzone ardente, che il fabbro mise all'interno di una rapa che aveva con sé. Con quell’ unica luce cominciò così a vagare per sempre alla ricerca di un luogo in cui riposarsi. Da allora Jack viene rappresentato con una zucca su cui viene intagliata una faccia. Avrete notato che la leggenda  parla di una rapa e non di una zucca. La spiegazione è dovuta al fatto che gli irlandesi sbarcati in America non avevano a disposizione le loro tradizionali rape e iniziarono ad utilizzare le grosse zucche gialle, abbondanti nella nuova Terra e molto più grandi. 

Ora che sapete tutto sulla leggenda di Jack, vi diciamo dove potete trovare dei fantastici campi in stile americano, dove potrete raccogliere la vostra zucca di Halloween.

Il Campo dei Fiori a Galbiate (Lecco)

A Galbiate, poco distante dal lago di Lecco, è giunto al suo terzo anno Il campo dei Fiori e il suo sistema pick your own, ovvero cogliere da soli i prodotti da acquistare. Qui sono state piantate e privilegiate le varietà di zucche poco conosciute e difficili da trovare come l'originale e buonissima zucca Spaghetti con la polpa filamentosa, la Hokkaido dal sapore delicato e molto pratica (si cuoce con la buccia), la Butternut con il particolare retrogusto di noce  consigliata, oltre che per vellutate, risotti e gnocchi, anche  per fantastiche torte e biscotti, la Vanity per palati sopraffini. Ovviamente non mancano le zucchette ornamentali e quelle classiche di Halloween impreziosite ed abbellite con buffe faccine decorate a mano. Quest’anno come novità potrete trovare la varietà Polar Bear, zucche ornamentali bianche, per un Halloween un po’ diverso. Ma le sorprese non finiscono qui: a rendere unico e speciale questa edizione, oltre all’affaccio sul lago di Annone con la sua spettacolare natura ed i tramonti infuocati ,a fare da cornice ad il campo di zucche c’è una distesa di girasoli, cosmos e zinnie pronti per essere colti. Come consuetudine,per la gioia dei più piccini non mancano decorazioni ed addobbi in tema Jack O'Lantern. E non dimenticate di chiedere a Cristina le sue ricette a base di zucca, sarà felice di condividerle con voi.

L' ingresso al campo di zucche è gratuito e senza prenotazione. Il campo sarà aperto nei fine settimana del mese di ottobre, fino a sabato  31, con i seguenti orari: venerdì, sabato e domenica, 9.30-12.30 e 14.30-18.30.

Tulipania a Terno D'Isola (Bergamo)

In provincia di Bergamo, a Terno d’Isola, troviamo invece il campo di zucche di Tulipania. Potrete esplorare il campo alla ricerca della zucca perfetta, avendo cura di non calpestare le piante ancora verdi. Ne troverete  tante già decorate ma, se preferite, potrete sceglierne una non decorata, lasciar viaggiare  la fantasia dei vostri bambini oppure portarla a casa da intagliare. All'interno del giardino ci saranno le postazioni decoro in cui i bimbi potranno cimentarsi nel dare un volto alla loro scelta. Inoltre troverete i giochi di una volta con materiali naturali e a tema autunnale come lo zucca tris o il gioco dei legnetti. Ricordate che non si potranno raccogliere le zucche che ancora non si saranno staccate dalla pianta perché significa che non sono ancora mature al punto giusto. Si pagano solo le zucche che si raccolgono. Negli ultimi 15 giorni di ottobre inoltre il parco si vestirà in tema Halloween con gli spaventapasseri che si trasformeranno in mostriciattoli e tanti fantasmini che inizieranno ad apparire qua e là, e non mancheranno ovviamente tante zucche di Jack O'Lantern.

L' ingresso è gratuito e senza obbligo d’acquisto, ma viene richiesta la prenotazione obbligatoria.Gli orari di apertura sono: tutti i sabati e le domeniche fino al 1 novembre compreso, con 4 fasce di ingresso giornaliere: 9-11, 11-13, 14-16, 16-18.

Il Villaggio delle Zucche a San Martino Siccomario (Pavia)

Alle porte di Pavia, a San Martino Siccomario, debutta quest’anno il Villaggio delle Zucche. Bambini e genitori avranno la possibilità di trascorrere del tempo nella natura, partecipare a giochi con animazione a tema, laboratori creativi e percorsi didattici, oltre al tradizionale pumpkin patch, cioè scegliere la zucca preferita da portare a casa, da colorare, da intagliare o da usare come semplice arredo di casa.Nella struttura, allestita nel grande parco del ristorante Puravida (40 mila mq), sono presenti installazioni tematiche e attrazioni adatte per foto-ricordo autunnali, come il campo di zucche, la vasca del mais, il castello di paglia, il labirinto di fieno, i trattorini elettrici, l’area gonfiabili, i mercatini, l'aia con gli animali (galline, conigli, cavalli e pony). E i bambini possono divertirsi partecipando a laboratori di intaglio e pittura della zucca, di pittura con il cioccolato, ma anche laboratori didattici sulla coltivazione dello zafferano, e altri ancora. Per gli adulti sono in programma castagnata e vin brulè tutti i weekend, eventi sportivi in diretta, incontri con esperti di erboristeria, zafferano e micologia, esposizione di vespe e moto d'epoca. 

Il Villaggio delle Zucche è aperto al pubblico dalle 10 alle 24  ogni weekend fino al primo novembre 2020, anche in caso di maltempo.I biglietti di ingresso costano 12 euro a persona, sia per gli adulti che per i bambini di età superiore ai 3 anni, e si possono acquistare direttamente all'ingresso. I bambini di età inferiore ai 3 anni entrano gratis. 

Fotogallery

Mentelocale.it indica in modo indipendente alcuni link di prodotti e servizi che si possono acquistare online. In questo testo potrebbero comparire link a siti con cui mentelocale.it ha un’affiliazione, che consente all'azienda di ricavare una piccola percentuale dalle vendite, senza variazione dei prezzi per l'utente.