Magazine Mercoledì 10 dicembre 2003

Editori Liguri a Portoanticolibri

Magazine - Venerdì 5 dicembre l’appuntamento della rassegna dedicata agli Editori Liguri è stato con le di Albenga.
Paolo Aldo Rossi dell’Università di Genova ha introdotto Gerolamo "Gerry" Delfino, titolare della Casa Editrice che egli stesso ha fondato nel 1975 come naturale evoluzione della sua attività di libraio (iniziata nel 1967), concentrando i suoi campi di interesse su storia, cultura e dialetti del ponente ligure.

Uno tra i primi libri pubblicati è stato E te ghe daggu a zunta, un repertorio di proverbi, filastrocche e modi di dire dell’albenganese raccolti da Nada Ricci Torri, la mamma di Antonio Ricci, noto autore televisivo.
Il libraio-editore ha poi letto una poesia in dialetto albenganese suscitando sorpresa, emozione e curiosità per i suoni così familiari ma anche così diversi, ed ha ricordato altri titoli del suo catalogo, tra i quali La grande quercia dei Prain, dedicato ad una famiglia di pescatori di Prà trasferitisi ad Alberga nel 1920: una saga familiare giunta alla terza ristampa.

Per un incidente in tipografia che ne ritarderà l’uscita, l’annunciato Libro del basilico di Sandra Berriolo è stato presentato solo in bozze, ma accompagnato dalle tavole originali delle illustrazioni di Rosanna Biaghetti: una vera e propria monografia dal punto di vista botanico, fitoterapico e antropologico di cui Rossi ed Anna Vigoni Marciani hanno elogiato il rigore e la serietà.
Gli incontri con gli Editori Liguri riprenderanno il 15 gennaio alle 18.00 con l’editore Philobiblon di Ventimiglia, un editore piccolo ma molto promettente.

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione