Cura dei capelli: la guida per spazzolarli correttamente - Magazine

Cura dei capelli: la guida per spazzolarli correttamente

Attualità Magazine Lunedì 29 giugno 2020

Spazzola

Magazine - Quando la mattina arriviamo davanti allo specchio per il rito della beauty routine, troppo spesso prendiamo in considerazione solo la pelle del viso e trascuriamo i capelli. Siamo abituati a maltrattarli, chiediamo loro l’impossibile e nonostante tutto li vorremmo sempre a posto, lucidi e belli da vedere. Per ottenere questo risultato la cosa migliore da fare è prendersi qualche minuto in più per una corretta spazzolatura. Si tratta infatti di un momento essenziale per la salute della nostra testa, poiché i pettini e le varie spazzole che abbiamo a disposizione svolgono più di un compito essenziale. Innanzitutto, un colpo dopo l’altro, si occupano di rimuovere eventuali residui di prodotti utilizzati in fase di styling, inoltre servono a districare i fastidiosi e antiestetici nodi. Le spazzole e i pettini si occupano insomma di creare le condizioni perfette affinché la nostra chioma sia sempre bella e vigorosa. Per avere un colpo d’occhio di grande impatto scenico, ovviamente, una corretta spazzolatura/pettinatura non basta. Occorre utilizzare sui capelli prodotti ad hoc, per cui sarà utile in merito seguire i consigli di stile di Schwarzkopf. Spesso si dice che occorrono, ogni giorno, almeno 100 colpi di spazzola. Al di là del numero, questa attività è davvero cruciale per la salute della testa. Con la spazzola si va a stimolare correttamentela circolazione del cuoio capelluto, inoltre viene favorito l’apporto di nutrienti alla radice (e la crescita è più armoniosa).

Tipi di spazzole e beauty routine prima e dopo il lavaggio

La beauty routine dei capelli parla chiaro: occorre procedere regolarmente alla fase di spazzolatura e in più momenti durante il giorno. Gli strumenti più popolari? Si tratta innanzitutto della spazzola cosiddetta ‘a remo’, quella piatta e di forma rettangolare tipo specchio, perfetta per capelli non troppo corti e fino a una media lunghezza. La sua ampiezza consente di rivolgersi a ciocche molto larghe: questo comporta la necessità di meno ‘colpi’, il che significa maggiore protezione per cuoio capelluto e radici. I capelli sottili, specie in fase di asciugatura - altro momento clou - vanno a nozze con la spazzola ‘a remo’. Per capelli più lunghi il modello di grido è invece quello detto ‘detangler’: l’obiettivo dichiarato di questo strumento di bellezza è sconfiggere i nodi, facendo apparire la chioma luminosa senza stress. I capelli vengono ‘tirati’ dolcemente, grazie alla presenza di setole molto flessibili. Abbiamo detto che la routine di bellezza dei capelli non si ferma al mattino. Infatti è bene dedicare a questa attività qualche minuto anche prima del lavaggio. Ricordando sempre che in caso di capelli grassi la cosa migliore è usare l’acqua di rosa, perfetta per dare sollievo in caso di cute infiammata. Sulla spazzola - lo sappiamo bene - si accumulano spesso capelli, che è bene rimuovere con continuità. La spazzola deve essere sempre pulita, per non diventare un veicolo di sporco. Ok al suo lavaggio, almeno una volta ogni quattro settimane: si usa acqua tiepida e shampoo, poi si risciacqua e si fa asciugare tenendola rivolta verso il basso.