Magazine Mercoledì 19 novembre 2003

Cara Antonella...

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Per la prima domanda giro in parte la risposta ai lettori. Mi sembra assurdo, inconcepibile e fuori dal mondo. Faccio fatica a credere che i genovesi siano come li descrivi, perché per me non è un problema locale, è un problema culturale. C’è chi è pronto e chi no: in genere chi è pronto si è posto il problema, o si è trovato di fronte a un amico/a omosessuale e ha capito un po’ di cose, o semplicemente è abituato a pensare. Chi non accetta l’omosessualità non ama pensare, porsi delle domande, preferisce vivere di stereotipi, in genere tramandati da generazioni. Che vogliamo fare, Luca, in un mondo sottomesso ai media, che ci propongono l’omosessualità quasi soltanto attraverso macchiette indecorose e per nulla rappresentative? Continuare a lavorare, direi, come hanno fatto tanti prima di te. Che sono poi quelli che ti hanno permesso di non nascondere la tua omosessualità, che ti hanno garantito la libertà di scrivermi firmando, se volessi, anche col cognome. So che c’è ancora molta strada da fare, ma sarebbe bello che tu la percorressi col sorriso, pensando che pochi, pochissimi anni fa, le persone come te vivevano nel ghetto, non osavano palesarsi, finivano per contrarre matrimoni privi di senso per ottenere una relativa e paradossale libertà, addirittura impiegavano decine di anni per ammettere con sé stessi di essere omosessuali. Oggi non è più così, per fortuna, e forse questa riflessione sintetica renderà un po’ più leggero il peso che ti senti addosso.
Non ho più spazio per affrontare anche il tema famiglia. Riscrivimi, se vuoi, o lo faccia qualcun altro esprimendo le proprie opinioni.
Ti auguro di trovare la libertà che cerchi.

Problemi? Clicca sulla .

Ripeto la mia raccomandazione: mentelocale rispetta il vostro anonimato al punto che neppure io ricevo gli indirizzi di posta elettronica. Quindi, se volete una risposta in privato, ricordatevi di inserire un indirizzo nel messaggio.
di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Lumière! La scoperta del cinema Di Thierry Frémaux Documentario Francia, 2016 Nel 1895 i Lumière inventano il cinematografo, la macchina magica capace di riprendere il mondo. I loro operatori, inviati ai quattro angoli della terra, danno inizio alla più grande avventura della modernità: catturare la vita, interpretarla,... Guarda la scheda del film