Concerti Magazine Domenica 16 novembre 2003

DREAM THEATER, TRAIN OF TOUGHT

DREAM THEATER, Train of Tought

Chi pensava che il prog fosse morto ha già dovuto ricredersi nel 1999 davanti a quel concept strepitoso che era Metropolis Pt.2. i Dream Theater da lì sono ripartiti alla conquista del mondo, dopo le promesse di Awake ed Images and Words, con progetti ambiziosi come un triplo album live ed un doppio album inedito, fino a giungere a questa nuova opera convincente ed entusiasmante. Piena di auto-citazioni gradite ai conoscitori più profondi ed affezionati, e composizioni nuove che caratterizzano il suono potente e melodico dei Dream.
Anche in questo nuovo lavoro l’apporto di Jordan Rudess risulta fondamentale. Il tastierista, entrato in formazione solo pochi anni fa portando l’equilibrio di cui la band aveva bisogno dopo l’uscita di Kevin Moore e la breve (ed inespressiva) parentesi di Sherinian, continua a dare prova di una grande capacità.
Finalmente i Dream Theater non fanno più soltanto vedere quanto sono bravi, ma raggiungono una maturità compositiva che sicuramente li consacra tra le stelle loro pari ( leggi Genesis, Rush, Yes).

Andy, Musica Internazionale


Artista: Dream Theater
Titolo: Train of Tought
Etichetta:WEA
Prezzo Verde Fnac:17.50 Euro

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La dolce vita Di Federico Fellini Drammatico Italia/Francia, 1960 Roma anni '60. Massimo giornalista di un rotocalco scandalistico, si trova in mezzo ai vizi e scandali di quella che era definita "la dolce vita" dei divi del momento. Guarda la scheda del film