Valute virtuali che non sono criptovalute - Magazine

Valute virtuali che non sono criptovalute

Attualità Magazine Mercoledì 29 aprile 2020

Magazine - Le valute virtuali non sono criptovalute, in quanto sono valute centralizzate che dipendono da un emittente e, quindi, non hanno bisogno di affidarsi e usufruire di un sistema crypto. Queste valute sono nate con grandi aspirazioni, ma, non hanno avuto successo. Comunque, non possiamo citare casi positivi di alcune monete che sono state create con uno scopo molto definito e sono state utilizzate come elemento di scambio in alcune comunità. DI seguito alcuni esempi di successo.

Il Linden Dollar è stato creato per scambiare l'universo 3D in Second Life e ha resistito alla prova del tempo così come la piattaforma stessa. Sorprendentemente, ha ancora una base di utenti e, per questo, stanno anche pensando di dare una nuova vita alla piattaforma attraverso gli occhiali di realtà virtuale Oculus Rift. Il Linden è utilizzato come valuta per acquistare e vendere beni virtuali all'interno del mondo Second Life, dove è possibile acquistare oggetti per costruire la propria casa (o un parco a tema come hobby personale), vestiti e accessori per personalizzare l'avatar. Il tasso di cambio è di solito di poche centinaia di Linden per un dollaro. Anche altre piattaforme simili a Second Life, come Avination, hanno le proprie monete. Ma, tutte queste monete sono accomunate dal fatto che tutte sono come il rublo transnistriano o il nordcoreano: se non si spendono lì sono inutili.

L'oro, nel mezzo di altri metalli preziosi e oggetti di valore, è una parte importante della maggior parte dei giochi online. In particolare degli Mmorpg (ovvero Massive(ly) Multiplayer Online Role-Playing Game), tra i quali il più famoso è World of Warcraft. Questi beni possono essere ottenuti giocando o acquistandoli su qualche piattaforma di trading. Anche se gli ideatori di molti di questi giochi non supportano questo tipo di pratica, in quanto sono difficili da controllare. In alcuni paesi ci sono miniere virtuali dove decine di lavoratori ripetono missioni e battaglie all'infinito per ottenere abbastanza oro per nutrire le imprese di vendita di oro virtuale in cambio di soldi veri. I prezzi sono molto variabili, ma, 1000 monete d'oro costano meno di un dollaro. Peccato che l'oro sia valido solo in World of Warcraft.

Un altro esempio, è il Ven, una valuta virtuale il cui valore dipende dal valore reale del dollaro e di altre valute, così come il prezzo di alcuni beni. Il prezzo di ogni valuta è un mix di indici. Ven è stato creato sul social network ad invito Hub Culture e ha già generato anche prodotti finanziari. 

it.cryptoengine.app permette di guadagnare denaro con le valute digitali in modo semplice, senza complicarsi la vita. Queste valute digitali hanno cambiato il mondo finanziario di tutto il mondo. Ci sono monete virtuali di tutti i colori, odori e sapori. Anche se la base della stragrande maggioranza di esse è il Bitcoin, pochissime di queste monete valgono attualmente abbastanza per prevedere un grande futuro per loro. Ci sono casi interessanti come quello delle valute alternative nazionali come nella fattispecie di Auroracoin e Spaincoin o Ripple. Una valuta non aspira ad andare oltre l'essere una valuta intermedia che facilita le transazioni, ma, aspira a premiare coloro che partecipano alla rete, dedicando parte della capacità dei loro team a collaborare anche progetti di ricerca.

Potrebbe interessarti anche: , Olio di Cannabis per combattere lo stress: la scienza a favore del CBD , Appassionato di fotografia? Conserva i ricordi con le stampe digitali! , Open Innovation: l'innovazione come chiave di sviluppo del business , Un gesto per l’ambiente che ti fa risparmiare: gli smartphone ricondizionati , GoDaddy e i GoWebinAr, Valentina Falcinelli spiega come dare personalità al proprio brand