Produttori di buste di plastica: personalizzate, biodegradabili, per negozi - Magazine

Produttori di buste di plastica: personalizzate, biodegradabili, per negozi

Attualità Magazine Martedì 21 aprile 2020

© pxhere.com

Magazine - Ogni giorno usiamo quest'invenzione, molto utile, ma con alcuni difetti: i sacchetti. Andiamo a fare la spesa, prendiamo un regalo per il nostro amico e subito ci viene fornita una busta. Inventati negli anni '50 dall' ingegnere svedese Sten Gustaf Thulin per evitare l'utilizzo di quelli di carta e, di conseguenza, l'abbattimento di alberi, i sacchetti hanno segnato l'inizio dell'era del consumismo. Inizialmente pensate per essere sfruttate più volte, le buste hanno finito per diventare oggetti usati una tantum. Oggi, i sacchetti, nel mondo, fanno parte di quel 44,8% della plastica usata per gli imballaggi che, non appena viene scartato l'oggetto, finiscono subito nella spazzatura e, se non correttamente smaltiti, nell'ambiente.
In Italia, ci sono molte aziende leader nel settore che producono buste. Queste hanno avuto la capacità di adattarsi ai cambiamenti delle norme giuridiche, alla visione ambientalista e all' avvento di internet: chiunque pùo creare la sua shopper personalizzata in pochi click. Ma cosa è cambiato nell'arco di pochi anni?

La regolamentazione. Nel nostro Paese, e successivamente in Europa, sono state emanate leggi e direttive con lo scopo di ridurre o eliminare completamente l'uso di plastica nella produzione di questi utili oggetti. In Italia, i primi provvedimenti sono stati presi nel 2012. Ora, vige il divieto di commercializzare o fornire gratuitamente borse di plastica per trasportare le merci fino ad un certo spessore. Inoltre, è obbligatoria la vendita per quelle di spessore inferiore ai 15 micron usate per i cibi sfusi. Da quest'anno, questi ultimi sacchetti devono essere composti da almeno il 50% di materie prime rinnovabili e, dal prossimo, il 60%. L'Unione Europea, che precedentemente aveva aperto una procedura d'infrazione all'Italia per le regole ritenute troppo stringenti, poi conclusasi senza conseguenze, nel 2015, ha preso dei provvedimenti a riguardo. Tuttavia, essendo posti nella forma di direttiva, lasciano libertà di manovra agli Stati ed impongono obblighi meno rigorosi. Altri Paesi, come ad esempio la Francia, hanno emanato le proprie leggi prendendo come modello l'Italia. I produttori di buste hanno, quindi, dovuto innovarsi. Così, è incrementata la produzione di buste riutilizzabili per gli acquisti nei supermercati. E, infatti, sempre più persone si affidano a questa comoda soluzione, ma non tutti.

Buste biodegradabili e compostabili. Gli investimenti nella ricerca hanno dato i loro frutti e sono state trovate alternative alla plastica nella fabbricazione dei sacchetti. Infatti, possiamo trovare nel mercato le shopper biodegradabili e compostabili. Le buste biodegradabili possono essere scomposte tramite batteri ed elementi naturali in elementi chimici semplici, come acqua, metano e anidride carbonica. Secondo le norme dell'Unione Europea, questo processo deve avvenire entro 6 mesi per il 90% del prodotto. I sacchetti compostabili possono, invece, trasformarsi in terriccio fertile che potrà essere usato in agricoltura. Così, chi dimentica la borsa riutilizzabile a casa o non vuole usarla può utilizzare questa soluzione eco-friendly. Ma attenzione: la decomposizione di queste buste "ecologiche" avviene solo in particolari condizioni e, pertanto, non si possono abbandonare a piacimento nella natura, ma è necessario smaltirle nell'apposito bidone.

Da dove arrivano le bioplastiche? Prima di tutto, bisogna dire che non tutte le bioplastiche sono biodegradabili. Ad esempio quelle indicate come bio-PET o bio-PP non sono biodegradabili, pur derivando da biomasse. Allo stesso modo, possono esistere plastiche, come la PBAT, che derivano da materie prime non rinnovabili, ma sono biodegradabili. Principalmente, i sacchetti in vendita sono composti di bioplastiche che derivano da amido di mais, ma anche grano, frumento, barbabietola e altro. Tuttavia, la ricerca di nuovi materiali è massiccia e in continua evoluzione.

Il mercato delle bioplastiche. I dati parlano chiaro: l'industria della bioplastica è in crescita. Il fatturato del 2018 è stato di 685 milioni di euro, aumentato del 27% rispetto all' anno precedente. Il tasso di crescita annuale calcolato è del 10%. Si conta, inoltre, un aumento dei dipendenti e delle aziende che operano nel settore. Secondo i dati di Plastic Consult, sono più di 250 le aziende che lavorano nella filiera delle bioplastiche. Inoltre, sembra che, nell'ultimo periodo, il fenomeno dei "sacchetti illegali", cioè delle buste che erano falsamente dichiarate biodegradabili, si sia ridotto. E' palese, quindi, come il settore della produzione di sacchetti di plastica sia riuscito a prendere al volo le nuove opportunità riuscendo anche a migliorare il problema dell'inquinamento da microplastiche. Nonostante la strada sia ancora lunga, la ricerca continua e i produttori cercano sempre di stare al passo, cogliendo senza esitazione le nuove opportunità.

Potrebbe interessarti anche: , Liguria e Piemonte sono BBBellissimi: la nuova campagna pubblicitaria di BBBell , Acidità e problemi digestivi: quali sono le cause? , Frecce Tricolori a Perugia e in Umbria il 26 maggio 2020: orario e dove vederle , Confezionamento alimentare per conto di terzi: perché scegliere questa alternativa , Riapertura parrucchieri ed estetisti, cosa cambia? Norme e regole da sapere

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!