Coronavirus, Decathlon dona 10mila maschere da snorkeling: diventeranno respiratori - Magazine

Coronavirus, Decathlon dona 10mila maschere da snorkeling: diventeranno respiratori

Attualità Magazine Giovedì 26 marzo 2020

La maschera di Decathon Easybreath
© Decathlon Italia/Facebook

Magazine - Probabilmente la notizia non sarà passata inosservata a chi in questi giorni di quarantena da Coronavirus monitora costantemente i social alla ricerca di news: dalla maschera da snorkeling Easybreath, venduta da Decathlon Italia, è  stato possibile ricreare un respiratore per i pazienti affetti da Coronavirus. Protagonista dell'invenzione è la società bresciana Isinnova, che ha modificato la nuova e innovativa maschera da snorkeling di Decathlon. Il vantaggio della maschera integrale Easybreath, nel suo uso comune, è quello di garantire anche nella pratica dello snorkeling una resprazione naturale da naso e bocca

All'indomani della bella notizia, Decathlon non poteva che fornire il suo personale contributo alla lotta contro il Coronavirus, aiutando chi in questo momento è più in difficoltà. La catena di abbigliamento e accessori sportivi ha così deciso di donare 10 mila delle sue maschere da snorkeling Easybreath alle Regioni italiane per far fronte all'emergenza sanitaria Covid-19: «In attesa dei test e delle sperimentazioni in corso presso il Politecnico di Milano e sulla base delle risultanze del brevetto della Società Isinnova - si legge sulla pagina Facebook di Decathlon - abbiamo deciso di donare 10mila unità delle nostre maschere da snorkeling Easybreath alle regioni italiane, responsabili della sanità pubblica. La chiave di distribuzione utilizzata sarà la quota di accesso abitualmente adottata per la ripartizione dei fondi statali».

Potrebbe interessarti anche: , Home office, la postazione perfetta e i suoi accessori , Premio Strega 2020 a Sandro Veronesi con Il Colibrì: la trama del libro vincitore , Richiedere la cessione del quinto: tutto quello che devi sapere , Liguria e Piemonte sono BBBellissimi: la nuova campagna pubblicitaria di BBBell , Confezionamento alimentare per conto di terzi: perché scegliere questa alternativa