La quarantena: sapete l'origine e il significato di questo termine? - Magazine

La quarantena: sapete l'origine e il significato di questo termine?

Attualità e tendenze Magazine Martedì 24 marzo 2020

© Wikipedia

Magazine - Quarantena è oggi una parola che tutti noi purtroppo conosciamo bene. Ma da dove viene questa termine? Perché la quarantena non dura 40 giorni? Quarantena deriva dalla parola veneziana quarantina ed è nata nel XIV secolo per indicare il periodo di isolamento a cui venivano sottoposte gli equipaggi delle navi che provenivano dalle zone colpite dall'epidemia di peste nera , che tra il 1347 e il 1359 uccise circa il 30% della popolazione europea e asiatica.

Il termine è poi stato usato anche in occasione di altre pestilenze, come la sifilide della fine del '500, la febbre gialla spagnola del XIX secolo e il colera del 1831. Venezia fu la prima grande città portuale a dotarsi di leggi e sistemi appositi, con la nomina di tre tutori della Salute Pubblica e con la costruzione del lazzaretto nel 1403, seguita poi da Genova e Marsiglia. 

Nell'immagine di copertina potete vedere l'abbigliamento che veniva adottato dai medici nelle epidemie del XVII secolo, quando dovevano visitare gli ammalati. L'abito consisteva in una tonaca nera (cerata e idrorepellente) lunga fino alle caviglie, guanti, scarpe chiuse, bastone, un cappello a tesa larga e una maschera a forma di becco. La maschera (che era già in uso in Italia, soprattutto a Roma e Venezia) aveva due aperture per gli occhi, coperte da lenti di vetro, i fori per il naso e un grande becco ricurvo, all'interno del quale erano contenute diverse sostanze, sia profumate (come lavanda, timo, menta, chiodi di garofano) per allontanare i cattivi odori delle carni infette, sia ritenute disinfettanti come l'aglio e spugne imbevute di aceto. Il bastone serviva per esaminare i pazienti senza toccarli e per tenere lontane le persone che tentavano di avvicinarsi.

Ma perchè proprio 40 giorni? All'epoca si riteneva che questo periodo fosse sicuro per garantire che l'ammalato (se non moriva) non fosse più contagioso. La peste era in realtà diffusa dalle pulci che ovviamente non morivano affatto dopo 40 giorni, ma il numero era legato a tradizioni popolari e religiose, come per esempio i 40 giorni di Mosè sul Sinai per ricevere le tavole della legge, i 40 giorni di digiuno nel deserto di Gesù o i 40 giorni della Quaresima (e non dimentichiamo che le settimane di gestazione sono anch'esse 40) e per questa ragione era ben accetto dalla popolazione.

Oggi con il termine quarantena si indica il periodo di incubazione di diverse patologie e può ovviamente variare in durata a seconda dei casi. Per il Covid 19 la quarantena è stata fissata in 14 giorni. Un'epidemia viene dichiarata conclusa quando sono trascorsi 2 cicli di quarantena (nel caso del Covi D19 quindi 2 settimane + 2 settimane) senza che vengano registrati nuovi contagi.

Potrebbe interessarti anche: , Dal Comune di Milano 150 mila mascherine per medici, commercianti e taxisti , E-commerce farmaceutici: aumentano utenti e fatturato per Farmacia Italia , Imparare una lingua? Questione di cervello: gli effetti sulla mente e le strategie vincenti , Lievito di birra fatto in casa: la ricetta e gli ingredienti , L'orto ai tempi del Coronavirus: cosa seminare ad aprile, tra verdura e frutta

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!