Magazine Mercoledì 29 ottobre 2003

La Caroggio a Portoanticolibri

Magazine - Attraverso le domande che Alessandra Zacco, de “La Stampa” ha posto a Paolo Masi, si è descritto un profilo della Casa Editrice Caroggio di Arenzano. Una realtà attiva da quattro anni, con cinquanta titoli già pubblicati, recente vincitrice del prestigioso premio Rea con L’impossibilità della storia e con un titolo, Hotel Plaza di Carlo Dessy, entrato nella selezione dell’ultimo Premio Campiello.

Il Direttore Editoriale ha sottolineato con energia che Caroggio è editore e non mero stampatore, che il progetto della Casa Editrice è collegato al territorio, anche attraverso la pubblicazione di periodici che consentono quella visibilità così cruciale per i prodotti editoriali, e che ha come interlocutore elettivo il pubblico giovanile.
Caroggio non pubblica libri in cui non crede. Dedica spazio solo ai titoli che può seguire ed affronta il rischio di impresa anche in settori a rischio come quello della poesia.
L’ultima uscita, di imminente distribuzione, è appunto in questo ambito : Noi due, le poesie di Alessandra Lancellotti, in cui la nota psicologa genovese ha affermato di essersi, per così dire, messa a nudo.

E di poesia si parlerà ancora venerdì prossimo, 7 novembre: Giorgio Devoto, titolare ed Editore della San Marco dei Giustiniani, converserà con Stefano Verdino, dell’Università di Verona.

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione