Magazine Mercoledì 29 ottobre 2003

Ancora Editori Liguri a Portoanticolibri

Magazine - Il terzo appuntamento con gli editori liguri a , venerdì 24 ottobre, è stato con .
Gianfranco De Ferrari ha raccontato, sollecitato da Stefano Bigazzi de Il Lavoro-Repubblica, gli esordi e lo sviluppo della sua Casa Editrice, nata nel 1985, e che da allora ha già superato i 500 titoli pubblicati.

A partire dal primo titolo, la guida Mangiare e bere in Liguria, nata da una idea di Franco Accame, il catalogo è arrivato a comprendere molti argomenti, con l’obiettivo di valorizzare la cultura genovese e ligure in una prospettiva nazionale.
Se le aree di azione della Casa Editrice sono vaste, sono però i manuali di cucina ad essere i più redditizi dal punto di vista economico: questa affermazione, sostenuta da dati statistici, non è piaciuta a qualche autore presente che forse (pensiamo noi) avrebbe amato sentirsi citare come artefice delle fortune della De Ferrari Editore…

Ma i numeri sono numeri: quindi benedetti i manuali di cucina se, oltre ad insegnarci buone ricette, consentono di pubblicare libri importanti come Viaggiatori stranieri in Liguria, Calvino da Sanremo a New York e molti altri che facevano bella mostra di sé in libreria e di cui Gianfranco De Ferrari si è detto, giustamente, orgoglioso.

Il “dialogo pubblico” è stato breve, ma ha fornito un profilo significativo di un altro tra gli attori culturali della nostra realtà regionale; venerdì 31 ottobre toccherà a Caroggio editore di Arenzano: Paolo Masi, della Casa Editrice, sarà intervistato da Alessandra Zacco de La Stampa.

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione