L'evoluzionismo di John Skoyles - Magazine

Cultura Magazine Mercoledì 29 ottobre 2003

L'evoluzionismo di John Skoyles

Magazine - Nell’accogliente e informale atmosfera dell’Histoire Café Garibaldi, introdotto da Telmo Pievani, John Skoyles, docente alla London School of Economics nell’interdisciplinare Centre for Philosophy of Natural and Social Science, ha presentato la sua teoria evoluzionista nella conferenza L’odissea dell’intelligenza, di cui si è occupato nel libro Il drago nello specchio. L’evoluzione dell’intelligenza umana dal Big Bang al Terzo Millennio, scritto insieme a Dorion Sagan appena tradotto e pubblicato in Italia da Sironi Editore.
Il libro è l’ideale seguito del celebre I draghi dell’Eden, di Carl Sagan, primo saggio scientifico a vincere un premio Pulitzer. Il figlio di Sagan, Dorion e il ricercatore John Skoyles affrontano la questione dell’evoluzionismo proponendo due approcci diversi alla questione: il cosiddetto evoluzionismo di destra e l’evoluzionismo di sinistra.

In sintesi, Skoyles ha spiegato come l’evoluzionismo di sinistra sia in realtà quello più corretto per rispondere alle tre domande fondamentali: come eravamo, come saremo e qual è la peculiarità della natura umana. Alla luce delle recenti scoperte e delle nuove tecnologie l’evoluzionismo di sinistra è oggi in grado di rispondere a queste tre domande. Sono due in sostanza le più importanti rivoluzioni tecnologiche che Skoyles ha indicato: la possibilità di leggere la sequenza del DNA, anche se ancora non è possibile comprenderla appieno e la capacità di fotografare il cervello, con raffinate apparecchiature, e osservarlo nel pieno delle sue attività (mentre pensa, legge, guarda, ecc). Secondo le letture effettuate dalla genomica fino ad oggi, in pratica si osserva che il DNA non è cambiato rispetto a quello dei primi esseri umani, eppure è evidente che oggi conduciamo una vita molto diversa da quella semplice che conducevano i primi uomini, spesso classificati come cacciatori e raccoglitori. Secondo l’evoluzionismo di sinistra la biologia ci ha dato i mezzi e ci ha reso liberi di ricreare la nostra natura e dunque creare la cultura. All’interno del pensiero di Skoyle gioca un ruolo fondamentale un’altra recente scoperta la plasticità neuronale, un concetto sviluppato grazie a studi e ricerche indipendenti, secondo cui i neuroni non sono specializzati a priori, ma all’interno del cervello, che è un circuito pluripotente, vengono modulati nel corso della crescita e dello sviluppo e ottimizzati per alcune funzioni specifiche. In realtà potrebbero soddisfare molte altre funzioni se opportunamente stimolati, per esempio attraverso un’educazione specifica. Skoyles ha fatto, tra gli altri, l’esempio dei bambini dislessici: è stato dimostrato che essi usano una parte sbagliata del cervello per leggere. In questo caso è possibile intervenire e risolvere il loro problema attraverso l’educazione che stimoli l’utilizzo della parte corretta. Un altro esempio relativo alla plasticità neuronale è stato fatto in relazione alla scoperta che la vista non è frutto di un processo evolutivo e di adattamento della corteccia visiva. Un esperimento condotto su animali ha infatti dimostrato che si può sviluppare la vista sulla corteccia dell’apparato uditivo.

Skoyles ha dunque affermato che la plasticità neuronale e la cultura creano la nostra mente e che quello che ci distingue dalle altre specie è la dimensione del nostro cervello associata alla sua minore specializzazione e dunque alla sua maggiore versatilità.
L’argomento complesso ha attirato l’accesa attenzione di un pubblico molto vasto e di tutte le età che, in conclusione dell’intervento, ha alimentato un lungo dibattito con domande di ogni genere sull’argomento.
Il libro, Il drago nello specchio (Sironi Editore), è stato finanziato per la traduzione da – Segretariato Europeo per le Pubblicazioni Scientifiche – un’organizzazione non governativa, con sede a Bologna, presieduta da Franco Roversi-Monaco rivolta a favorire la circolazione e l’interscambio con l’estero delle pubblicazioni saggistiche sia di materia umanistica che scientifica.

Potrebbe interessarti anche: , Il futuro delle Ico? Arrivano le Security Token Offering: cosa sono e cosa cambia , Guadagnare online con i sondaggi retribuiti è possibile: ecco come fare , Come fare trading per investire e guadagnare online? I consigli di Ig Markets , SuperMario 24, il pronto intervento in Lombardia per problemi idraulici , Il cibo spaziale, un’eccellenza tutta Made in Italy