E la danza del ventre? - Magazine

E la danza del ventre?

Attualità e tendenze Magazine Lunedì 27 ottobre 2003

Magazine - Gentile redazione di mentelocale,

Come Voi già sapete io e la mia collega siamo due insegnanti e danzatrici professioniste di danza orientale, più comunemente conosciuta come danza del ventre in occidente.
Volevo porvi un quesito: Genova nel 2004 sarà la capitale della cultura, eppure riscontriamo diffidenza e soprattutto mancanza di diffusione, seppur nei limiti, nei confronti della cultura e della musica araba. Ho notato un'assenza o quasi (a parte il suq, che, peraltro quest'anno la danza del ventre non la menziona nemmeno) di locali, centri culturali, appunto, che possano offrire uno scambio anche ai cittadini italiani, e che possano diffondere e far conoscere questa cultura. In altre città italiane, da nord a sud, questa è già una realtà: tant'è vero che sono nati numerosi locali, centri culturali e biblioteche dedicate al mondo arabo (che, attenzione, non significa dire soltanto mondo islamico!).
Tanta gente storce il naso sentendo parlare di musica e danza araba, figuriamoci della cultura! Eppure il nostro intento è smitizzare tutto questo e cercare di "togliere" queste paure, questa diffidenza anche e proprio attraverso la danza orientale: vogliamo non sia solo una danza fine a se stessa o, come tanti pensano, solo danza di seduzione. Vorremmo portare avanti un discorso interculturale, e non pecchiamo di presunzione dicendovi che abbiamo tutte le carte in regola per poter realizzare questo progetto. Conosciamo molte persone marocchine, egiziane, tunisine, libanesi e siriane che ci sollecitano a portare avanti il giusto messaggio e ad avvicinare questi due mondi. Vorremmo approdare, perchè no, al festival del mediterraneo all'expò, vedremo se riusciremo nell'impresa!
Inoltre siamo appoggiate da Kamellia, grande stella internazionale della danza orientale che voi già conoscerete.
Insomma vorremmo diffondere questo messaggio in una città che, bene o male, è stata ed è tutt'ora un crocevia di culture e che, diventerà nel 2004, capitale della cultura, appunto.

Grazie,
Francesca

Potrebbe interessarti anche: , Dal Comune di Milano 150 mila mascherine per medici, commercianti e taxisti , E-commerce farmaceutici: aumentano utenti e fatturato per Farmacia Italia , Imparare una lingua? Questione di cervello: gli effetti sulla mente e le strategie vincenti , Lievito di birra fatto in casa: la ricetta e gli ingredienti , L'orto ai tempi del Coronavirus: cosa seminare ad aprile, tra verdura e frutta

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!